Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2017 March;70(1) > Medicina dello Sport 2017 March;70(1):104-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Medicina dello Sport 2017 March;70(1):104-8

DOI: 10.23736/S0025-7826.17.03082-4

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Sclerosi tuberosa, rabdomioma cardiaco e attività sportiva agonistica paraolimpica: descrizione di un caso

Vincenzo PALMIERI 1, 2, Francesco CUCCARO 1, Sebastiano ORVIETO 1, Massimiliano BIANCO 2, Paolo ZEPPILLI 2

1 Unit “Elder and Disabled Sportsman Evaluation”, Sports Medicine Centre, Rome, Italy; 2 Agostino Gemelli Policlinic Foundation, Sacro Cuore Catholic University, Rome, Italy


PDF


L’articolo descrive il caso clinico di un giovane di 20 anni, affetto da sclerosi tuberosa associata a disturbo autistico. Il ragazzo, già praticante nuoto e atletica leggera (corsa) a livello ludico, giungeva al nostro Centro per ottenere l’idoneità agonistica, in precedenza negato presso altro Centro per la documentata presenza di rabdomiomi multipli nel ventricolo sinistro. Un accurato esame ecocardiografico documentava la normalità della funzione sistolica e diastolica del ventricolo ed escludeva un’ostruzione all’efflusso sinistro da parte della neoformazione più evidente, localizzata nel setto interventricolare. L’ECG a riposo e da sforzo massimale erano negativi per aritmie e anomalie elettrocardiografiche. Esclusa una compromissione significativa degli altri organi, abbiamo deciso di consentire l’attività agonistica paralimpica, che si è svolta finora (sei anni di follow-up) senza alcuna complicazione e/o significative modificazioni del quadro clinico-strumentale cardiovascolare.


KEY WORDS: Sclerosi tuberosa - Tumori cardiac - Aritmie - Disordine autistic - Sport per persone con disabilità

inizio pagina