Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2016 June;69(2) > Medicina dello Sport 2016 June;69(2):215-27

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Per citare questo articolo

MEDICINA DELLO SPORT

Rivista di Medicina dello Sport


Official Journal of the Italian Sports Medicine Federation
Indexed/Abstracted in: BIOSIS Previews, EMBASE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 0,202


eTOC

 

AREA MEDICA  


Medicina dello Sport 2016 June;69(2):215-27

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Attività aerobica a intensità controllata in acqua e in palestra: effetti sull’umore e sull’efficienza fisica in donne della terza età

Raffaele SCURATI 1, Stefano BENEDINI 1, 2, Giovanni MICHIELON 1, Pietro L. INVERNIZZI 1, Lucia ZANNINI 1, Giampietro ALBERTI 1

1 Department of Biomedical Sciences for Health, Università degli Studi di Milano, Milan, Italy; 2 Unit of Endocrinology, San Donato Policlinic, San Donato Milanese, Milan, Italy


PDF  


OBIETTIVO: Questo studio ha voluto confrontare gli effetti sull’umore e sull’efficienza fisica di un’attività aerobica in acqua rispetto a una in palestra di corrispondente tipologia e intensità, in donne della terza età.
METODI: Quarantacinque donne (età 76.0±3.5 anni, peso 62.3±7.7 kg, altezza 156.0±7.0 cm) sono state suddivise in tre gruppi, uno di controllo e due sperimentali. Questi ultimi hanno praticato un’attività aerobica di otto settimane rispettivamente in acqua (AFA) e in palestra (AFT), con carico di lavoro compreso tra il 60% e il 70% della frequenza cardiaca massima (FCmax). Prima e dopo il periodo di allenamento sono stati valutati e confrontati lo stato dell’umore (questionario POMS), l’efficienza fisica (test funzionali Rikli&Jones in palestra), il dolore percepito durante l’esecuzione dei test motori (scala VAS).
RISULTATI: Il gruppo AFA ha avuto una significativa riduzione degli stati d’umore relativi a tensione-ansia, depressione-avvilimento e aggressività-rabbia (P<0.01), e un aumento di vigore-attività (P<0.01). Il gruppo AFT ha avuto una riduzione di tensione-ansia e un aumento di vigore-attività (P<0.05). AFA ha mostrato altresì un miglioramento funzionale degli arti inferiori e dell’equilibrio, misurati dai test 30-s Chair Stand (30s-CS), 2-min Step Test (2m-ST) e 8-Foot Up-and-Go (8-FuG) (P<0.01). AFT è migliorato in modo significativo nella forza degli arti superiori, in 30-s Arm Curl (30s-AC) (P<0.05), e inferiori, in 2m-ST (P<0.01). Inoltre, nel postallenamento AFA ha percepito meno dolore durante l’esecuzione di tutti i test motori (P<0.05), mentre AFT ha percepito meno dolore solo in occasione di 30s-CS, 2m-ST e 8-FuG (P<0.05).
CONCLUSIONI: L’attività aerobica in acqua sembra aver avuto effetti migliori sullo stato dell’umore e sull’efficienza fisica rispetto ad una attività comparabile svolta in palestra. I programmi di acquafitness sono quindi particolarmente raccomandabili come pratica sportiva rivolta a donne anziane.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Scurati R, Benedini S, Michielon G, Invernizzi PL, Zannini L, Alberti G. Controlled intensity aerobic activity in water and in the gym: effects on mood and physical efficiency in third age women. Med Sport 2016 June;69(2):215-27. 

Corresponding author e-mail