Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2009 March;62(1) > Medicina dello Sport 2009 March;62(1):69-79

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

AREA MEDICA   

Medicina dello Sport 2009 March;62(1):69-79

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Relazione tra massa grassa, fitness e salute in studenti universitari di sesso maschile

Di Blasio A. 1, Berchicci M. 1, 3, Bertollo M. 2, 3, Ripari P. 1, 4

1 Department of Human Movement Science, Chieti-Pescara University, Chieti, Italy 2 Department of Basic and Applied Medical Science, Chieti-Pescara University, Chieti, Italy 3 Behavioural Imaging and Neural Dynamics Centre, Chieti-Pescara University, Chieti, Italy 4 University Centre of Sports Medicine, Chieti-Pescara University, Chieti, Italy


PDF


Obiettivo. La pratica dell’esercizio fisico previene e riduce l’obesità androide e gran parte delle patologie a essa correlate, sia attraverso la riduzione del peso corporeo sia attraverso l’incremento del livello di fitness. Infatti, anche in assenza della perdita di peso, un alto livello di fitness è associato a una minore circonferenza vita per un dato indice di massa corporea (body mass index, BMI). Scopo dello studio è stato comparare, tramite semplici parametri ed esami, la condizione cardiocircolatoria di maschi sovrappeso/obesi allenati (OT), sovrappeso/obesi sedentari (OS) e normopeso sedentari (NS).
Metodi. Sono stati indagati la frequenza cardiaca (rHR) e la pressione arteriosa a riposo, semplici parametri antropometrici, la composizione corporea ed il livello di fitness di 130 studenti universitari di sesso maschile (21,43±2,39 anni). Sono state inoltre raccolte informazioni circa le caratteristiche di pratica motoria di ciascun partecipante.
Risultati. L’analisi statistica è stata eseguita su 29 NS, 45 OT e 35 OS. L’analisi post-hoc ha evidenziato una migliore rHR in OT rispetto a NS (P=0,004) mentre i due gruppi non differivano nella pressione arteriosa e nel livello di fitness. Confrontando OT ed OS, parificati per massa grassa percentuale, si è evidenziato che OT aveva una minore rHR (P=0,004) e pressione arteriosa sistolica (P=0,004) rispetto ad OS. Il livello di fitness era maggiore in OT (P=0,003). OT mostrava una minore correlazione tra WC, massa grassa e livello di fitness rispetto ad OS e NS.
Conclusioni. La pratica dell’esercizio fisico migliora la salute cardiovascolare dei soggetti sovrappeso/obesi migliorando il profilo di alcuni fattori di rischio cardiovascolare rispetto ai soggetti normopeso sedentari di pari età.

inizio pagina