Home > Riviste > Medicina dello Sport > Fascicoli precedenti > Medicina dello Sport 2001 March;54(1) > Medicina dello Sport 2001 March;54(1):29-36

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

AREA MEDICINA PREVENTIVA   

Medicina dello Sport 2001 March;54(1):29-36

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Risultati di uno studio epidemiologico ai fini della tutela della salute in giovani ciclisti

Faina M. 1, Fiorella P. L. 2, Briglia S. 2, Mirri G. 1

1 Federazione Ciclistica Italiana, Commissione Sanitaria Nazionale; 2 Istituto di Medicina dello Sport CONI-FMSI, Bologna


PDF


Obiettivo. Obiettivo dello studio, proposto dalla Commissione Sanitaria Nazionale della FCI, è stato quello di verificare i parametri emocromocitometrici in giovani ciclisti della categoria allievi II anno (16 anni) e juniores I anno (17 anni) maschi e femmine.
Metodi. 2031 atleti (1914 maschi e 117 femmine, pari all’80% circa dei tesserati) si sono sottoposti, al mattino a digiuno, ad un prelievo venoso per la determinazione di globuli rossi, emoglobina, ematocrito, volume corpuscolare medio, contenuto emoglobinico cellulare, concentrazione emoglobinica cellulare, ampiezza di distribuzione eritrocitaria, piastrine, globuli bianchi, formula leucocitaria, percentuale e numero assoluto di reticolociti.
È stata determinata la statistica descrittiva (media deviazione standard, mediana, 2,5 e 97,5-esimo percentile), ed il confronto tra medie (allievi vs juniores o maschi vs femmine) fissando la significatività statistica a p<0,01.
Risultati. I valori ottenuti evidenziano come nell’ambito della popolazione sportiva ciclistica, i soggetti esaminati rappresentino una categoria di soggetti non a rischio per quanto riguarda eventuali alterazioni artificiali dell’eritropoiesi.
Conclusioni. L’effettuazione di uno screening su una vasta popolazione di giovani ciclisti ha permesso di identificare precocemente le alterazioni della crasi ematica, centrando l’aspetto preventivo della tutela della salute dell’atleta.

inizio pagina