Home > Riviste > Il Giornale della Vaccinazione > Fascicoli precedenti > Il Giornale della Vaccinazione 2020 Luglio/Dicembre;12(2) > Il Giornale della Vaccinazione 2020 Luglio/Dicembre;12(2):41-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Il Giornale della Vaccinazione 2020 Luglio/Dicembre;12(2):41-6

lingua: Italiano

Le vaccinazioni incluse nel Calendario vaccinale nazionale come strumento di contrasto dell’antibiotico-resistenza

Federico MARCHETTI

Direzione medica Vaccini GSK, Verona, Italia


PDF


L’antimicrobico-resistenza (AMR) costituisce un urgente problema mondiale. L’AMR prende consistenza quando un microorganismo si modifica a seguito della sua esposizione a un farmaco antimicrobico, sia esso un antibiotico, un antivirale, un antifungino ecc e diventa capace di sopravvivere al trattamento stesso (resistenza). Come risultato, i farmaci antimicrobici diventano inefficaci e le infezioni permangono nell’organismo umano, incrementando il rischio di fallimento clinico e diffusione ad altri individui. In Italia il fenomeno dell’AMR ha una dimensione allarmante. Secondo le ultime stime in Italia ogni anno circa 10.000 persone muoino a causa dell’AMR ed entro il 2050 ne moriranno oltre 450.000, con un costo complessivo pari a 13 miliardi di dollari. Il Ministero della Salute ha, da qualche anno, predisposto e coordinato una serie di misure di contrasto dell’AMR, inquadrate nella prospettiva “One Health”, poi armonizzate nel “Piano di contrasto dell’Antimicrobicoresistenza 2017-2020” (PNCAR). L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito che le vaccinazioni esistenti possono prevenire malattie infettive che necessitano di antimicrobici per essere curate o infezioni virali primarie, che sono spesso trattate inappropriatamente con antibiotici e che possono anche dare luogo ad infezioni secondarie che richiedono un trattamento antibiotico, In una prospettiva “One Health”, tutti i professionisti che operano nel campo della salute dovrebbero adoperarsi nel raccomandare la vaccinazioni non solo per aumentare il livello di salute complessivo della popolazione ma anche per contribuire efficacemente a contrastare un fenomeno che altrimenti determinerà costi altissimi in termini di vite umane nei prossimi anni.


KEY WORDS: Vaccinazioni; Antimicrobicoresistenza; Italia

inizio pagina