Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 April;179(4) > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 April;179(4):247-56

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORIGINAL ARTICLE   

Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 April;179(4):247-56

DOI: 10.23736/S0393-3660.19.04091-9

Copyright © 2019 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Reazione avversa all’aglio e interazioni con i livelli di omocisteinemia

Alberto ANSALONI 1 , Margherita LONGO 2, Gian M. DIANA 3

1 Associazione Pro Ammalati “Francesco Vozza” Onlus, Fatebenefratelli Ophtalmic and Macedonio Melloni Hospital, Milan, Italy; 2 Unit of Clinical Microbiology, Virology, and Emergency Diagnostics, ASST Fatebenefratelli Sacco, Milan, Italy; 3 Unit of Transfusion Medicine, Fatebenefratelli-Ophthalmic Hospital, ASST Fatebenefratelli Sacco, Milan, Italy



OBIETTIVO: Il presente lavoro di ricerca statistica evidenzia un fenomeno poco indagato: l’esistenza di una intolleranza alimentare dai sintomi “lievi”, ma estremamente diffusa all’interno della popolazione, scatenata dall’ingestione di aglio utilizzato nei condimenti dei cibi.
METODI: La ricerca è stata svolta complessivamente su 450 soggetti: un questionario da compilarsi in forma anonima è stato distribuito agli utenti del Centro Prelievi del Presidio Fatebenefratelli dell’ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano e ai donatori di sangue del Centro Trasfusionale dello stesso ospedale.
RISULTATI: Risulta evidente, dai risultati qui ottenuti, che circa il 29% dei soggetti testati presenta almeno un sintomo causato da assunzione di aglio con l’alimentazione. Emerge anche che la presenza di iperomocisteinemia sembra far diminuire l’incidenza di questa intolleranza: infatti i soggetti con livelli di omocisteina ematica normale presentano, nel complesso, una percentuale di disturbi digestivi causati dall’assunzione di aglio sensibilmente superiore rispetto ai soggetti affetti da iperomocisteinemia. Si è assunto come valore di confine, tra livello normale e livello patologico di omocisteina ematica, il valore pari a 11 µmol/l. Questa conclusione sembrerebbe essere validata dal test statistico del chi quadrato, dal quale risulta che la differenza tra i valori ottenuti dai soggetti intolleranti normali (rispetto al contenuto ematico di omocisteina) e i valori di quelli iperomocisteinemici è altamente significativa (con un livello di significatività con probabilità di errore inferiore all’1%). Il numero dei soggetti testati è identico fra coloro che presentano livello di omocisteina ematica normale (<11 µmol/l) e coloro che presentano omocisteina patologica (>11 µmol/l). Per quanto riguarda gli altri valori ematochimici, l’età dei soggetti, il sesso, le eventuali terapie in corso e le patologie di cui essi erano eventualmente affetti, i soggetti sono omogeneamente e casualmente distribuiti tra i due gruppi.
CONCLUSIONI: La spiegazione del fenomeno (cioè che la presenza di iperomocisteinemia diminuisce l’incidenza dell’intolleranza all’aglio) potrebbe forse essere cercata nel meccanismo metabolico dell’organismo umano: infatti i solfuri dell’aglio si vanno a innestare nella medesima via metabolica percorsa dall’omocisteina.


KEY WORDS: Donatori di sangue; Iperomocisteinemia; Aglio; Solfuro di allile

inizio pagina