Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2) > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2):47-53

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORIGINAL ARTICLE   

Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2):47-53

DOI: 10.23736/S0393-3660.18.04016-0

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Obesità in gravidanza: fattore di rischio per esiti perinatali sfavorevoli?

Adriana VALCAMONICO , Claudia MAGGI, Giorgia MAZZONI, Federica COLOMBI, Enrico SARTORI

Department of Obstetrics and Gynecology, ASST Spedali Civili di Brescia, University of Brescia, Brescia, Italy



OBIETTIVO: Lo scopo dello studio è stato quello di valutare gli esiti ostetrici e neonatali in una popolazione di donne obese, confrontandoli con quelli di donne normopeso.
METODI: È stato condotto uno studio osservazionale retrospettivo, nel quale sono state arruolate 1974 donne che hanno partorito presso il Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia degli Spedali Civili di Brescia dal 01/01/2016 al 31/12/2016. Di queste donne 210 erano obese (BMI>30 kg/m2), mentre 1764 erano normopeso (BMI tra 18,5 and 24,9 kg/m2). Abbiamo confrontato alcune delle principali complicanze della gravidanza e del post-partum, i numero tagli cesarei e gli outcomes neonatali tra i due gruppi.
RISULTATI: L’incidenza di diabete e di ipertensione gestazionale è risultata significativamente minore nelle donne normopeso rispetto alle donne obese: solo il 6% delle gravide normopeso ha sviluppato diabete gestazionale e l’1% ha sviluppato ipertensione gestazionale, a confronto rispettivamente con il 28% e il 6% nel gruppo delle gravide obese (P value<0.001). L’incidenza di parto pretermine è risultata maggiore nel gruppo delle gravide obese (14% vs. 6%, P value<0.001). Infine, il tasso di tagli cesarei tra le donne obese è stato del 46%, contro il 26% nelle normopeso: la differenza è risultata statisticamente significativa (P value<0.001).
CONCLUSIONI: La gravidanza in donne obese è da considerarsi ad alto rischio ostetrico. Risulta, quindi, fondamentale che queste gravidanze vengano prese in carico da un team multidisciplinare composto da ginecologo, nutrizionista e psicologo, per informare queste donne sui rischi e prevenire le complicanze.


KEY WORDS: Obesity, Pregnancy; Body Mass Index; Outcome assessment, health care

inizio pagina