Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2) > Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2):47-53

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Gazzetta Medica Italiana - Archivio per le Scienze Mediche 2020 January-February;179(1-2):47-53

DOI: 10.23736/S0393-3660.18.04016-0

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Obesità in gravidanza: fattore di rischio per esiti perinatali sfavorevoli?

Adriana VALCAMONICO , Claudia MAGGI, Giorgia MAZZONI, Federica COLOMBI, Enrico SARTORI

Department of Obstetrics and Gynecology, ASST Spedali Civili di Brescia, University of Brescia, Brescia, Italy



OBIETTIVO: Lo scopo dello studio è stato quello di valutare gli esiti ostetrici e neonatali in una popolazione di donne obese, confrontandoli con quelli di donne normopeso.
METODI: È stato condotto uno studio osservazionale retrospettivo, nel quale sono state arruolate 1974 donne che hanno partorito presso il Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia degli Spedali Civili di Brescia dal 01/01/2016 al 31/12/2016. Di queste donne 210 erano obese (BMI>30 kg/m2), mentre 1764 erano normopeso (BMI tra 18,5 and 24,9 kg/m2). Abbiamo confrontato alcune delle principali complicanze della gravidanza e del post-partum, i numero tagli cesarei e gli outcomes neonatali tra i due gruppi.
RISULTATI: L’incidenza di diabete e di ipertensione gestazionale è risultata significativamente minore nelle donne normopeso rispetto alle donne obese: solo il 6% delle gravide normopeso ha sviluppato diabete gestazionale e l’1% ha sviluppato ipertensione gestazionale, a confronto rispettivamente con il 28% e il 6% nel gruppo delle gravide obese (P value<0.001). L’incidenza di parto pretermine è risultata maggiore nel gruppo delle gravide obese (14% vs. 6%, P value<0.001). Infine, il tasso di tagli cesarei tra le donne obese è stato del 46%, contro il 26% nelle normopeso: la differenza è risultata statisticamente significativa (P value<0.001).
CONCLUSIONI: La gravidanza in donne obese è da considerarsi ad alto rischio ostetrico. Risulta, quindi, fondamentale che queste gravidanze vengano prese in carico da un team multidisciplinare composto da ginecologo, nutrizionista e psicologo, per informare queste donne sui rischi e prevenire le complicanze.


KEY WORDS: Obesity, Pregnancy; Body Mass Index; Outcome assessment, health care

inizio pagina