Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6):465-70

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 June;172(6):465-70

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Importanza dell’indice di pressione caviglia-brachiale in pazienti Sauditi con coronaropatia

Alshehry A. 1, Elsharawy M. 2

1 Division of Cardiology, Departments of Internal Medicine, University of Dammam, Dammam, Saudi Arabia; 2 Vascular Division, Department of General Surgery, University of Dammam, Dammam, Saudi Arabia


PDF


Obiettivo. L’indice di pressione caviglia-brachiale (ABPI) si è dimostrato un buon marcatore di aterosclerosi sistemica e un potente predittore di morbilità e mortalità cardiovascolare. L’obiettivo di questo studio era determinare l’importanza della misurazione dell’ABPI in pazienti sauditi con coronaropatia (CAD).
Metodi. Lo studio trasversale è stato condotto su tutti i pazienti sauditi sottoposti ad angiografia coronarica senza sintomi di malattia arteriosa periferica presso l’ospedale universitario King Fahd ad Al-Khobar in Arabia Saudita. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a misurazione dell’ABPI. Lo studio è stato condotto tra il dicembre 2010 e il novembre 2011.
Risultati. Durante il periodo di studio, sono stati inclusi duecentocinque pazienti. Cinquantanove (28,8%) pazienti erano il gruppo II (ABPI ≤0,90) e il resto il gruppo I (ABPI>0,90). È stata riscontrata una correlazione significativa anche tra ABPI bassa e grado di CAD (il numero medio di arterie coinvolte nel gruppo I era di 1,78±0,83 rispetto a 2,10±0,736 del gruppo II P=0,011). Tuttavia, anche la correlazione tra ABPI bassa e la gravità della presentazione di CAD era significativa (l’incidenza di infarto miocardico con insufficienza cardiaca congestizia era pari allo 0,5% nel gruppo I rispetto al 12% del gruppo II P<0,001)
Conclusioni. L’ABPI è un importante indicatore prognostico per i pazienti sauditi affetti da CAD.

inizio pagina