Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):351-60

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 May;172(5):351-60

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento endovascolare della malattia femoropoplitea occlusiva: angioplastica transluminale percutanea o stenting?

Strati T. M. 1, Chrysaidou A. 1, Sarlis P. 1, Papadimitriou D. 2

1 Postgraduate Education in Medical Research Methodology, Medical SchoolAristotle University of Thessaloniki, Thessaloniki, Greece; 2 Vascular Unit, 2nd Surgical Department, G. Gennimatas Hospital, Medical School, Aristotle University of Thessaloniki, Thessaloniki, Greece


PDF


Quella endovascolare è una modalità di trattamento consolidata per la malattia femoropoplitea occlusiva. Tuttavia, vi sono risultati contrastanti in merito alla scelta di applicare l’angioplastica transluminale percutanea (PTA) o lo stenting (ST). Obiettivo del presente articolo è stato quello di effettuare una review sistematica degli studi più recenti presenti nella bibliografia internazionale, nei quali i risultati dei due metodi vengono posti a confronto al fine di determinare, utilizzando i criteri standard basati sulle evidenze, la sicurezza e l’efficacia dei due metodi. Abbiamo effettuato una ricerca nei database Medline/PubMed e Cochrane, per il periodo compreso tra gennaio 1999 e dicembre 2010, con un’ulteriore ricerca nelle bibliografie degli articoli per individuare gli studi che trattano l’argomento di questa review sistematica. La ricerca è stata ristretta a meta-analisi e studi randomizzati o non controllati. La valutazione critica degli studi è stata effettuata in base al Fattore di impatto della rivista scientifica sulla quale erano stati pubblicati. Sedici studi sono stati considerati appropriati e collegati alla ricerca di questa review. Sono state incluse tre meta-analisi, dodici studi randomizzati controllati e uno studio di coorte. Esiste una grande divergenza di opinioni in merito alla scelta di utilizzare l’angioplastica transluminale percutanea o lo stenting nel trattamento di questa specifica malattia vascolare a causa del suo background complicato o della comparsa di nuove tecniche e materiali. Sfortunatamente, i recenti studi non sono riusciti a fornire risposte chiare. Vi è una chiara necessità di nuovi studi ben progettati che includano un maggior numero di partecipanti al fine di stabilire il potenziale beneficio di ciascun metodo.

inizio pagina