Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2):117-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2):117-8

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Bakri balloon come approccio vaginale di prima scelta per la riduzione dell’inversione uterina

Alovisi C., Enria R., Contino B., Pelissetto S., Armellino F.

S.C. Ostetricia e Ginecologia, Ospedale Maria Vittoria, Torino, Italia


PDF


Una primigravida di 38 anni venne ricoverata per colestasi gravidica a 39 settimane e 4 giorni di gestazione e sottoposta a indizione del travaglio mediante Misoprostolo per via vaginale. Durante il terzo stadio si verificò un’inversione uterina seguita da un’emorragia massiva da ritenzione placentare. Si procedette in narcosi a secondamento manuale e a riduzione dell’inversione uterina. Al fine di evitare una recidiva precoce venne posizionato il Bakri ballon riempito con 500 cc di soluzione salina. Dopo 30 ore il dispositivo venne rimosso e la paziente venne dimessa dopo 5 giorni senza complicanze. Si può concludere che il Bakri balloon può essere efficacemente utilizzato nel trattamento per via vaginale dell’inversione uterina.

inizio pagina