Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2):81-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2013 January-February;172(1-2):81-6

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Impatto del piano di vaccinazione sulla eliminazione della rosolia congenita: nostra esperienza

Marseglia L. 1, Mancuso A. 1, Saitta G. 1, Lo Monaco I. 2, Panasiti I. 1, Barberi I. 3, Mamì C. 1

1 UOSD Neonatologia, Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche, AOU Policlinico Universitario di Messina, Messina, Italia; 2 UOC Ostetricia e Ginecologia, Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche, AOU Policlinico Universitario di Messina, Messina, Italia; 3 UOC di Patologia e Terapia Intensiva Neonatale Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche, AOU Policlinico Universitario di Messina Messina, Italia


PDF


Obiettivo. Scopo del presente lavoro è stato accertare, alla luce dell’ esperienza maturata durante una epidemia di rosolia verificatasi nel 2008 in Messina, lo stato di attuazione del “Piano Nazionale per l’Eliminazione del Morbillo e della Rosolia congenita” nella nostra realtà.
Metodi. Sono state studiate 1186 gravide ricoverate nella UOC di Ostetricia e Ginecologia durante il 2008 ed i loro nati. Durante la gravidanza erano state considerate sospette tutte le donne con esantema generalizzato ad esordio acuto e quelle in cui erano state riscontrate IgM specifiche anti rosolia anche in assenza di segni clinici. Le sospette avevano eseguito i tests di conferma diagnostica (IgM, IgG, IgG avidity). Nei loro nati la diagnosi di rosolia congenita era posta alla nascita con indagini sierologiche (IgM, IgG, PCR RNA) e ricerca di antigeni virali (RT PCR RNA) e confermata con follow up sierologico e strumentale effettuato sino all’età di 2 anni.
Risultati. Delle 1186 madri il 34% era siero negativo o con stato immunitario sconosciuto. 4/1186 madri, le quali non erano state vaccinate, né avevano eseguito screening preconcezionale, avevano contratto in gravidanza rosolia accertata. Dei 4 nati dalle madri infette 2 sono risultati infetti. Questi, sino a due anni di vita, non hanno presentato deficit sensoriali.
Conclusioni. Questi dati dimostrano che nella nostra realtà il Piano di eliminazione della rosolia è ancora ampiamente disatteso e suggeriscono la necessità che tutti i responsabili della salute pubblica impegnati si adoperino a diffondere lo screening preconcezionale ed implementare la vaccinazione universale e quella selettiva alle donne in età feconda.

inizio pagina