Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6):675-82

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2012 December;171(6):675-82

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Studio comparativo: camminata e camminata nordica

Schaar B. 1, Nonn J. M. 1, Moos-Thiele C. 1, Gruetzner A. 1, Platen P. 2

1 Institute of Health Promotion and Clinical Movement Science, German Sport University, Cologne, Germany; 2 Department of Sports Medicine and Sports Nutrition, Ruhr-University, Bochum, Germany


PDF


Obiettivo. Scopo di questo studio è stato confrontare la domanda individuale metabolica e cardiopolmonare a breve termine della camminata e della camminata nordica.
Metodi. Ha partecipato un totale di 20 studenti sportivi della German Sport University di Colonia (13 uomini, 7 donne; età 26.30±1.95 anni; BMI 22.29±1.60 kg/m²). I test sono stati condotti durante quattro diversi giorni. I soggetti hanno eesguito il test UKK ed il test dei 6 minuti utilizzando le tecniche della camminata e della camminata nordica. Sono stati misurati i seguenti parametri durante ogni test: distanza percorsa (test dei 6 minuti), tempo impiegato (test UKK), concentrazione di lattato, valori spirometrici (VO2, VCO2, RER), frequenza cardiaca e tasso di sforzo percepito (Borg).
Risultati. L’analisi statistica ha mostrato una velocità più alta nel test dei 6 minuti rispetto il test UKK. È possibile documentare un più alto grado di sforzo sia metabolico che cardiopolmonare. Durante il test UKK, il grado di sforzo fisico si è rivelato più del doppio rispetto quello registrato durante il test dei 6 minuti. In entrambi i test è possibile osservare una velocità superiore nella tecnica della camminata rispetto la camminata nordica. Nel complesso, si osserva un moderato sforzo cardiopolmonare e metabolico nella camminata e nella camminata nordica.
Conclusioni. Può essere confermato che la camminata e la camminata nordica appartengono ai classici sport di resistenza adatti per programmi preventivi e riabilitativi. Dovrebbe essere comunque data un’istruzione di tipo metodologico nell’esecuzione della camminata nordica allo scopo di beneficiare dell’efficacia dell’allenamento.

inizio pagina