Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 December;170(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 December;170(6):397-403

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 December;170(6):397-403

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetti acuti degli acidi grassi polinsaturi omega 3 sulle lesioni muscolari e sui marker infiammatori nei ratti sottoposti ad esercizio di resistenza

Pereira Coqueiro D. 1, Cincotto Dos Santos Bueno P. 2, De Jesus Simões M. 3

1 Center for Experimentation in Animal Models, University of Marilia, Marilia, Brazil 2 Center for Experimentation in Animal Models, University of Marilia, Marilia, Brazil 3 Department of Morphology and Genetics, Federal University of São Paulo, São Paulo, Brazil


PDF


Obiettivo. Scopo di questo studio è stato valutare gli effetti degli acidi grassi polinsaturi omega 3 assorbiti con la dieta sui marker delle lesioni muscolari (creatina chinasi [creatine kinase, CK] e lattato deidrogenasi (lactate dehydrogenase, LDH)] e di un marker infiammatorio [proteina C reattiva (C-reactive protein, CRP)] in una sessione di esercizio di resistenza.
Metodi. Trentuno ratti di sesso maschile Wistar, di circa 260 g ognuno, sono stati suddivisi in 4 gruppi: G1 controllo (n=8), G2 con supplemento precedente all’esercizio (n=8); G3 con supplemento successivo all’esercizio (n=8); G4 con esercizio senza supplemento (n=7). Il protocollo di esercizio è stato organizzato in 4 serie di 10 salti con 60 secondi di intervallo tra le serie, con un’unica sessione di esercizio di resistenza di carico pari al 50% del peso corporeo. Gli animali hanno ingerito 3 g di omega 3 tramite ingestione forzata 48 ore dopo gli animali sono stati eutanizzati e il loro sangue è stato prelevato e successivamente analizzato. Le concentrazioni di CK sono significativamente aumentate in G2 (555 ± 238) rispetto a G1 (248±100). La stessa cosa è successa con i livelli di LDH nei gruppi G2 (1261 ± 466) e G1 (585 ± 368). La media del G4 (1679 ± 472) si è rivelata alta e ben oltre le media di G1 e G3 (906 ± 353).
Risultati. C’è stato un incremento significativo nella CRP nel G4 (0,054 ± 0,043), il gruppo sottoposto a esercizio di resistenza, rispetto al G1 (0,018±0,005), il gruppo che non ha eseguito l’esercizio, e il G3 (0,018±0,007), il gruppo che ha ricevuto il supplemento dopo l’esercizio. I valori dei gruppi G3 e G1 sono rimasti analoghi.
Conclusioni. In breve, l’ingestione acuta di omega 3 dopo esercizio fa diminuire efficacemente i marker di lesione muscolare (CK and LDH) e il marker di infiammazione acuta (CRP).

inizio pagina