Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):345-52

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):345-52

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Stratificazione del rischio per morte cardiaca improvvisa dopo infarto miocardico acuto

Incardona V. M., Dato E., Dato A. G.

Centro di Diagnostica Cardiovascolare del Dott. Dato Achille Giuseppe & C. S.a.s.,Paternò, Catania


PDF


Molti pazienti che sopravvivono ad infarto miocardico acuto (IMA) sono a rischio di recidiva e morte cardiaca improvvisa nonostante la terapia medica ottimale. Il trattamento della disfunzione ventricolare sinistra e dell’ischemia miocardica residua sono utili per identificare i pazienti ad alto rischio. Alcuni esami, quali l’ECG di base, l’ECG dinamico secondo Holter, l’ecocardiogramma, la risonanza magnetica nucleare possono essere utili mezzi diagnostici per la stratificazione del rischio di aritmie ventricolari maligne e morte cardiaca improvvisa.

inizio pagina