Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):319-26

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2011 October;170(5):319-26

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Influenza del ciclo mestruale - nella fase follicolare e luteale - sulle prestazioni sportive e parametri nutrizionali, biochimici e ormonali nelle adolescenti giocatrici di pallacanestro

Lacerda L. M. 1, Sousa F. A. B. 2, Santos E. P. 2, Meireles C. L. S. 2, Silva A. S. 2, Gonçalves M. C. R. 1

1 Departamento de Nutrição da Universidade Federal da Paraíba, João Pessoa, Brasil 2 Departamento de Educação Física da Universidade Federal da Paraíba, João Pessoa, Brasil


PDF


Obiettivo. Questo studio indaga sulla possibilità che i cambiamenti tra le fasi follicolare e luteale interferiscano simultaneamente con vari aspetti legati alla performance sportiva.
Metodi. Quattordici donne atlete giocatrici di pallacanestro (età media 16.21±1.4) hanno determinato il loro ciclo mestruale. Nella fase follicolare precoce e a metà della fase luteale sono state richiamate ad un regime dietetico e sono state sottoposte a valutazioni antropometriche e a test fisici (RAST test e soglia di lattato). I campioni ematici sono stati prelevati 12 e 24 ore dopo ogni test per determinare i livelli di CK e cortisolo.
Risultati. le atlete non hanno mostrato alcuna alterazione nell’assunzione di cibo tra le fasi follicolare e luteale. Tra gli aspetti antropometrici, solo la circonferenza della coscia ha presentato una riduzione nella fase luteale. Tutti le variabili RAST sono rimaste invariate eccetto la potenza minima che è apparsa inferiore nella fase luteale (P=0.024). La soglia di lattato è risultata pari a 2.76±0.25 nella fase follicolare e 2.74±0.15 nella fase luteale, senza differenze statistiche significative. Il livello di CK pre-esercizio si è mostrato simile tra la fase follicolare (155.1±90 U/I) e quella luteale (142.0±61 U/I). I test fisici hanno sostenuto un significativo aumento della CK pari al 121.9% e al 76% rispettivamente nelle fasi follicolare e luteale.
Conclusioni. Concludiamo che, anche considerando aspetti multifattoriali coinvolti nella performance, le variazioni del ciclo mestruale non influiscono sulle prestazioni delle atlete.

inizio pagina