Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 June;169(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 June;169(3):67-75

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2010 June;169(3):67-75

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Broncopnemopatia cronica ostruttiva e Malattia Venosa Cronica: correlazione fra due malattie infiammatorie

Di Salvo A.

Ambulatory of Vascular Diagnosis and Geriatric Division, SS Salvatore Hospital, Mistretta (ME), Italy


PDF


Obiettivo. Scopo dello studio è analizzare le relazioni fra broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e malattia venosa cronica degli arti inferiori, patologie caratterizzate da infiammazione attraverso il dosaggio di alcuni markers infiammatori.
Materiali e metodi. Lo studio ha arruolato 60 pazienti selezionati sulla base della storia clinica di BPCO e di un FEV1/FVC <70% e della presenza di malattia venosa cronica (diagnosticata con ecocolordoppler). I pazienti furono divisi in quattro gruppi di 15 soggetti ciascuno: A: sani, B: malattia venosa cronica, C: BPCO, D: BPCO e malattia venosa cronica. I soggetti con malattia venosa cronica (gruppi B e D) sono stati classificati in accordo con la classificazione CEAP, quelli con BPCO (C e D) sulla base delle linee guida GOLD. Tutti furono sottoposti ad esami ematochimici per determinare i markers infiammatori.
Risultati. I risultati mostrarono valori normali dei markers nel gruppo A, elevati nei gruppi B e C (con differenze statisticamente significative rispetto ad A) un importante aumento dei valori nel gruppo D con differenze statisticamente significative con gli altri gruppi.
Conclusioni. Questo studio suggerisce che la presenza di BPCO e malattia venosa cronica nello stesso paziente sono correlate con un aumento dei markers infiammatori poiché le due malattie sono associate dal comune meccanismo patogenetico: l’infiammazione. Questi pazienti richiedono attenzione per prevenire complicanze quali: trombosi venose, eventi cardiovascolari e riacutizzazioni bronchiali.

inizio pagina