Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4):269-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4):269-72

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Miglioramento psicomotorio grazie al possesso di un cane nella sindrome MELAS

Finsterer J. 1, Stöllberger C. 2

1 Krankenanstalt Rudolfstiftung, Wien, Austria; 2 2nd Medical Department, Krankenanstalt Rudolfstiftung, Wien, Austria


PDF


L’obiettivo di questo studio è stato quello di descrivere l’effetto del possesso di un animale domestico sullo stato mentale e fisico di un paziente con sindrome MELAS (encefalomiopatia mitocondriale, acidosi lattica, episodi simil-stroke). È ben noto come il possesso di un animale domestico abbia un effetto benefico sulla stimolazione dell’attività fisica e come favorisca i contatti sociali dei pazienti con disturbi vari. Questo lavoro riporta l’osservazione clinica di un singolo paziente, un soggetto dell’età di 38 ani, ex sciatore professionista, con sindrome MELAS dovuta a una transizione AÆG a livello np8381 nel gene ATPase8, che si è manifestata con anartria, epilessia, emi-iperestesia, depressione, debolezza, dimagramento e necessità di utilizzare una sedia a rotelle. L’arrivo di un cane ha avuto l’effetto di far diminuire la frequenza delle convulsioni e di consentire la diminuzione del dosaggio dei farmaci anti-epilettici. L’intesa relazione con il cane ha fatto anche sì che migliorassero la mobilità, la fitness fisica, il tono dell’umore, l’autostima, l’autocoscienza, l’auto-fiducia e i disturbi del bioritmo. Inoltre, i contatti sociali del paziente si sono allargati e sono notevolmente migliorati. In un paziente gravemente disabile, con sindrome MELAS, la compagnia di un animale e la responsabilità che si assume nei suoi confronti migliora le capacità psicomotorie e stabilizza l’epilessia. Il possesso di un animale domestico dovrebbe essere preso in considerazione come misura aggiuntiva per alleviare un disturbo per il quale è disponibile solo una terapia di supporto e sintomatica. La rilevanza nella pratica clinica sta nel fatto che il possesso di un animale domestico può migliorare le capacità psicomotorie e stabilizzare l’epilessia persino in pazienti con diverse patologie concomitanti con disturbi mitocondriali.

inizio pagina