Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4):225-32

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2009 August;168(4):225-32

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetto dinamico e temporale della risposta termica allo sforzo fisico crescente di breve durata sulle funzioni cognitive e sulla capacità cardiopolmonare degli atleti

Skalik R., Wozniak W., Janocha A., Standa M., Girek M., Kaminski W., Borodulin-Nadzieja L.

1 Department of Physiology, Laboratory of Exercise and Cardiovascular Physiology, Cognitive Functions Laboratory, Medical University of Wroclaw, Poland 2 Department of Physiology, Medical University of Wroclaw, Poland


PDF


Obiettivo. L’obiettivo dello studio è stato quello di valutare l’impatto dinamico e temporale della modificazione della temperatura corporea centrale sui parametri cardiopolmonari e sulle funzioni cognitive durante l’esercizio fisico crescente di breve durata.
Metodi. Sono stati arruolati nello studio 20 volontari sani (15 corridori e 5 giocatori di football americano). Tutti gli atleti hanno eseguiti esercizi per testare la capacità cardiopolmonare, con registrazione continua della temperatura corporea centrale. È stato anche loro richiesto di rispondere a test relativi alla funzione cognitiva sia prima che immediatamente dopo l’esercizio fisico.
Risultati. In tutti gli atleti esaminati il picco di temperatura corporea centrale durante l’esercizio (peakTc) è stato significativamente maggiore rispetto al suo valore di partenza. Gli atleti esaminati sono stati divisi in due sottogruppi: A (14 soggetti con V.O2max più elevata, che hanno raggiunto la loro soglia di scambio gassoso al 90% della prediHRmax; V.O2max superiore a 55 ml/kg/min), B (6 soggetti con V.O2max inferiore che hanno raggiunto la loro soglia di scambio gassoso all’80% della predHRmax; V.O2max inferiore a 55 ml/kg/min). Il peakTc negli atleti con V.O2max superiore (sottogruppo A) è stato significativamente inferiore (37,3±0,02 ∞C) ed è aparso più precocemente rispetto al sottogruppo B (37,8±0,03 ∞C). Il tempo medio di reazione post-esercizio è stato significativamente minore rispetto al valore di partenza in tutti gli atleti esaminati. I tempi di reazione post-esercizio sono stati significativamente minori nel sottogruppo A rispetto al sottogruppo B.
Conclusioni. L’ampiezza, la dinamica e il tempo dell’aumento della temperatura corporea centrale durante lo sforzo fisico di breve durata sembra modificare la performance cognitiva e la capacità cardiopolmonare degli atleti durante l’esercizio.

inizio pagina