Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 August;165(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 August;165(4):141-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2006 August;165(4):141-7

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Esperienze in arteterapia

Porzio G., Capuano A. L., Marocchino R.

DSM 5/a - Rivoli (TO)


PDF


Lo studio rappresenta un piccolo contributo alla diffusione dell’ arteterapia nei luoghi della salute mentale. Si è partiti dalla descrizione di un’ esperienza di arteterapia condotta presso l’Ospedale Di Rivoli. Questa si svolgeva nello spazio della cucina dove i tavoli venivano preparati per l’ esecuzione di disegni o di lavori di pittura.
A parteciparvi erano i pazienti ricoverati senza distinzione di patologie e sulla base di una loro scelta ad intervenire. Un arteterapeuta sostava insieme ai pazienti prendendo poi degli appunti sulle loro composizioni. Alla fine il medico commentava i disegni dei pazienti e gli appunti dell’arte-terapeuta.
Nell’articolo si è cercato di esporre l’ iter teorico che ha portato dall’enunciazione di varie ipotesi sull’ arte come espressione di simboli e forme del mondo esterno alla costituzione di una vera e propria branca di scienza terapeutica: l’arte-terapia.
La comprensione della modalità di utilizzo di questa scienza parte dalla descrizione delle dinamiche del mondo infantile e del rapporto della mente con i propri oggetti. Qui si passa da una significazione all’ altra con varie modalità tecniche ed espressive. Prendendo spunto dallo spazio artistico che virtualmente ognuno di noi possiede nel nostro mondo interno si giunge alla conclusione che ogni paziente psichiatrico può essere messo in condizioni di dare una sua propria tonalità alle proprie vibrazioni più interne.

inizio pagina