Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5):369-77

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5):369-77

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Studio comparativo della massa della creatin-chinasi MB e della troponina I cardiaca con altri marcatori biochimici nel modello di infarto del miocardio peri-operatorio dopo toracotomia laterale nel coniglio

Ypsilantis P. 1, Didilis V. 2, Bougioukas I. 2, Tsigalou C. 3, Simopoulos C. 1, Kampouromiti G. 3, Sivridis E. 4, Bougioukas G. 2

1 Laboratory of Experimental Surgery, Medical School, Democritus University of Thrace, Alexandroupolis, Greece; 2 Thoracic and Cardiac Surgery Clinic, Medical School, Democritus University of Thrace Alexandroupolis, Greece; 3 Laboratory of Biochemistry, University General Hospital of Alexandroupolis Alexandroupolis, Greece; 4 Laboratory of Pathology, Medical School Democritus University of Thrace, Alexandroupolis, Greece


PDF


Obiettivo. È stata valutata l’affidabilità di marcatori biochimici nella diagnosi di infarto del miocardio peri-operatorio (poMI). Lo scopo di questo studio è stato quello di determinare i profili temporali della massa della creatin-chinasi MB (CK-MBm), della troponina I cardiaca (cTnI) e di altri enzimi convenzionali che vengono normalmente valutati nel periodo post-operatorio e di valutarli quali marcatori potenziali dell’infarto del miocardio peri-operatorio dopo toracotomia laterale nel coniglio.
Metodi. Sedici conigli White New Zealand sono stati divisi in due gruppi; nel primo gruppo (gruppo infarto del miocardio, n = 8), l’infarto è stato provocato dalla legatura di un’arteria coronaria dopo toracotomia laterale, mentre nel secondo gruppo (gruppo di controllo, n = 8) è stata eseguita solo una pericardiotomia. Sono stati raccolti campioni di sangue nel periodo pre-operatorio, prima della toracotomia e dopo 1, 3, 6, 12, 24 ore nel periodo post-infuartale e quindi ogni giorno sino al 12° giorno dall’intervento. Nel siero ono stati valutati i livelli di aspartato transaminasi (AST), alanina amminotransferasi (ALT), latticodeidrogenasi (LDH) e creatin-chinasi (CK), così come le concentrazioni di creatin-chinasi MB (CK-MBm) e di troponina I cardiaca (cTnI). Sono stati determinati i profili enzimatici temporali e i punti critici delle loro curve temporali ed è stato calcolato il loro incremento relativo corretto.
Risultati. In entrambi i gruppi si è avuto un aumento rispetto ai valori basali di tutti gli enzimi (P<0.05), con l’eccezione della troponina I cardiaca (cTnI) che è aumentata solo nel gruppo con infarto, dimostrando così la sua cardiospecificità. Tuttavia, nel gruppo di controllo i livelli di aspartato transaminasi (AST), alanina amminotransferasi (ALT) e di creatin-chinasi MB (CK-MBm) non superavano i limiti superiori di normalità (URLs). La troponina I cardiaca (cTnI) ha evidenziato l’aumento relativo corretto più alto (P<0.05) durante le prime 24 ore così come durante l’intero periodo di studio. Il primo incremento enzimatico ha riguardato la troponina I cardiaca (cTnI) (alla 3° ora dopo l’infarto) e l’ultimo enzima a diminuire è stata l’alanina amminotransferasi (ALT) (7° giorno) seguita dalla troponina I cardiaca (cTnI) (5° giorno). Tutti gli enzimi hanno raggiunto i loro valori massimo alla 12° ora, con l’eccezione dell’alanina amminotransferasi (ALT) (2° giorno).
Conclusioni. La troponina I cardiaca è il marcatore diagnostico più affidabile dell’infarto del miocardio post-operatorio dopo toracotomia laterale se paragonato alla creatin-chinasi MB (CK-MBm) e ad altri enzimi convenzionali, a causa della sua cardiospecificità, del suo alto incremento relativo e ai suoi valori persistentemente elevati nel sangue circolante. Tuttavia, anche l’ aspartato transaminasi (AST), l’alanina amminotransferasi (ALT) e la creatin-chinasi MB (CK-MBm) dovrebbero essere utilizzate come marcatori biochimici suggestivi di infarto del miocardio peri-operatorio ma dovrebbe essere confermati dalla troponina I cardiaca (cTnI).

inizio pagina