Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5):347-55

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 October;164(5):347-55

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Arteriopatie nelle flebopatie

Leone L., Germiglio C., Monteforte R., Trovato G.

U.O. Chirurgia Vascolare, Azienda Ospedaliera Umberto I, Siracusa


PDF


Nel decorso delle arteriopatie obliteranti degli arti, frequentemente si inseriscono altre angiopatie, che devono essere attentamente considerate poiché possono condizionare la prognosi della malattia arteriosa, aggravandone l’evoluzione. Possono comparire, in particolar modo, flebopatie e linfoangiopatie e importante può anche essere la presenza di forme di iperstomia arterio-venulare. Una diagnosi tempestiva nei loro riguardi, ai fini anche dei conseguenti provvedimenti terapeutici, è di grande importanza. Escludendo, quindi, quelle situazioni in cui c’è l’associazione di varici e arteriopatia, situazioni rare ma non infrequenti, che inducono il chirurgo vascolare a trovare delle soluzioni alternative all’utilizzo della grande safena per effettuare un pontaggio, ci è sembrato opportuno rivedere tutte quelle situazioni in cui l’associazione delle due noxe è evidente, contemporanea o consequenziale e che non sono di riscontro usuale.

inizio pagina