Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2):109-12

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 April;164(2):109-12

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

L’insufficienza tricuspidale non peggiora con l’impianto di pacemaker permanente

Kucukarslan N. 1, Kirilmaz A. 2, Ulusoy E. 2, Yokusoglu M. 3, Gramatnikovski N. 1, Ozal E. 1, Tatar H. 1

1 Department of Cardiovascular Surgery, GATA Military Medical Hospital, Ankara, Turkey; 2 Cardiology Section, GATA Haydarpasa Military Hospital, Istanbul, Turkey; 3 Department of Cardiology, GATA Military Medical Hospital, Ankara, Turkey


PDF


Obiettivo. I dati relativi all’insufficienza della valvola tricuspide (TR) in pazienti con pacemaker (PM) impiantati sono controversi. L’interferenza tra il pacemaker e la valvola tricuspidale può provocare rigurgito valvolare. Il nostro scopo è di definire in modo prospettico il grado di rigurgito tricuspidale in un gruppo di pazienti prima e dopo l’impianto di pacemaker.
Metodi. Il gruppo di studio era rappresentato da pazienti che dovevano sottoporsi ad impianto di pacemaker permanente o di defibrillatore cardiovertente (ICD). Tutti pazienti sono stati sottoposti a valutazione ecografia bidimensionale e a Doppler prima e dopo una mediana di 1±1 giorni dall’impianto dei dispositivi utilizzando il System V (GE Medical, Horten, Norvegia) con frequenza di 2.5 MHz. Per la valutazione qualitativa della gravità del rigurgito tricuspidale sono stati considerati 4 gruppi: normale o insignificante, lieve, moderata e grave. Tutti i referti sono stati rivalutati da un secondo osservatore indipendente.
Risultati. La popolazione studiata consisteva di 61 pazienti (età media 53±8 anni, di cui 44 maschi) che dovevano sottoporsi ad impianto di pacemaker (n=55) o di defibrillatore cardiovertente (n=6). Prima dell’impianto del pacemaker il grado di rigurgito tricuspidale valutato ecocardiograficamente era lieve in 21 pazienti (70%), moderato in 7 (23%) e grave in 2 (7%). Dopo impianto del dispositivo è stato evidenziato un rigurgito tricuspidale di grado lieve in 23 pazienti (76%), moderato in 10 (33%) e grave in 2 (6%). Dopo l’intervento la gravità del rigurgito tricuspidale è aumentata da normale/insignificante a lieve in 5 casi (16%) e da lieve a moderata in 3 (10%). Dopo l’impianto non vi è stato peggioramento della gravità dell’insufficienza tricuspidalica.
Conclusioni. La comparsa di rigurgito tricuspidale o il peggioramento di un’insufficienza preesistente è un evento relativamente raro dopo impianto di pacemaker. Essa solitamente non è associata ad un peggioramento acuto o a deterioramento clinico, tuttavia si raccomanda di seguire ecocardiograficamente nel tempo i pazienti per escludere altre complicanze.

inizio pagina