Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 February;164(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 February;164(1):43-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TERAPIA   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2005 February;164(1):43-6

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La chemoprofilassi antibatterica nell’ureteroscopia: utilizzo della levofloxacina come terapia sequenziale versus terapia per os alla dose singola di 500 mg/die

Costantino G. 1, Condorelli S. 2, Costanzo V. 2, Granata M. 2, Pisciotta F. 2, Matera M. 1

1 Section of Nephrology and Urology, Department of Pharmacology, Catania University, Catania, Italy; 2 Section of Urology, Foundation G. B. Morgagni, Catania, Italy


PDF


Obiettivo. È stato condotto uno studio clinico sull’efficacia e la tollerabilità di una singola dose di levofloxacina somministrata per via orale in corso di uteroscopia diagnostica e terapeutica presso un dipartimento di urologia.
Metodi. Nel periodo compreso tra gennaio 1999 e giugno 2002, 388 pazienti affetti da urolitiasi e candidati all’intervento di ureterolitotripsia sono stati arruolati nello studio e assegnati a 1 dei 2 gruppi di trattamento con criterio casuale; gli specifici criteri di inclusione comprendevano l’età (superiore a 18 anni), la sterilità delle urine, la presenza di un consenso almeno verbale ecc. La levofloxacina è stata somministrata per via orale alla dose singola di 500 mg/die, 4 h prima dell’esecuzione della procedura endoscopica e per i 5 giorni successivi (gruppo A) oppure per via endovenosa unicamente 4 h prima dell’intervento e quindi per via orale per 5 giorni (gruppo B). Nessun antibiotico è stato somministrato in aggiunta alla levofloxacina; al termine della 1° e della 2° settimana dopo l’intervento sono state eseguite delle urocolture.
Risultati. Trecentocinquantasei pazienti hanno completato il trattamento e sono stati seguiti correttamente per il follow-up. Nel gruppo A, sono stati registrati 12 casi di urosepsi (6,5%), mentre nel gruppo B i casi di urosepsi sono stati pari al 7,5%. Ventisei pazienti appartenenti al gruppo A (14,1%) e 29 pazienti appartenenti al gruppo B (16,2%) presentavano urocolture positive.
Conclusioni. La levofloxacina per os alla dose singola di 500 mg/die è utile nella chemoprofilassi antibatterica per l’ureteroscopia e presenta risultati clinici sovrapponibili a quelli della terapia sequenziale per via endovenosa/per os. È stata registrata una bassa incidenza di effetti collaterali. Riteniamo che l’utilizzo della levofloxacina per via orale può essere efficace in casi selezionati di ureterolitotripsia, è di agevole somministrazione ed è utile nel ridurre i costi dovuti all’ospedalizzazione del paziente.

inizio pagina