Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 December;163(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 December;163(6):273-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 December;163(6):273-8

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Considerazioni clinico-epidemiologiche sui ricoveri di pazienti extracomunitari nelle U.O. di “Malattie Infettive” della regione Calabria nel periodo 2000-2003

Pellicanò S. 1, Calzone R. 2, Bertuccio S. N. 3, Foti G. 4

1 U. O. di Malattie Infettive, P. O. “S. Giovanni di Dio”, A.S.L. n. 5, Regione Calabria, Crotone; 2 Dietista; 3 U. O. di Malattie Infettive, P. O. “G. Jazzolino” A.S.L. n. 8, Regione Calabria, Vibo Valentia; 4 U. O. di Malattie Infettive, P. O. “Riuniti” Azienda Ospedaliera “Bianchi-Melacrinò-Morelli”, Regione Calabria, Reggio Calabria


PDF


Obiettivo. Nel periodo 2000-2003 abbiamo riscontrato un trend in costante crescita dei ricoveri di pazienti extracomunitari ricoverati nelle U. O. di Malattie Infettive della Regione Calabria passato dal 4% del 2000 al 7% del 2003. Obiettivo del nostro lavoro è stata la valutazione dell’andamento dei ricoveri di questi pazienti, a livello regionale, considerandone le caratteristiche generali, le patologie più frequenti, la nazionalità e le provincie più interessate.
Metodi. Abbiamo effettuato un’indagine epidemiologica di tipo statistico sugli extracomunitari ricoverati nelle U. O. di Malattie Infettive della Regione Calabria nel periodo 2000-2003, valutando l’età, il sesso, la nazione di provenienza, l’anno e la causa di ospedalizzazione. I pazienti sono stati trattati con terapia medica e dietologica.
Risultati. Nel periodo considerato sono stati ricoverati 617 pazienti extracomunitari (5%) su 12 155 ricoveri, di cui 400 di sesso maschile (65%) e 217 di sesso femminile (365%). La classe di età più interessata (58%) è stata quella compresa tra 20 e 39 anni. I pazienti provenivano principalmente dal Marocco (153 casi, 25%), dall’Ucraina (45 casi, 8%), dalla Polonia (34 casi, 6%), dal Senegal (32 casi, 5%), dall’Albania (28 casi, 4%) e dal Burkina Faso (26 casi, 4%) e pertanto, se si considera il Continente di provenienza, soprattutto dall’Africa con 293 casi (48%). Le principali cause di ospedalizzazione sono risultate: nel 18% dei casi (n=111) patologia gastrointestinale e patologia epatobiliare e nel 14% dei casi patologia polmonare e infezione da HIV (n=87, 30%). In quest’ultima, si è riscontrato un trend in continua crescita variato dal 20% di casi del 2000 al 30% del 2003 e provenienti per il 17% dei casi dal Burkina Faso. L’epatite virale acuta è stata la causa di ricovero di 19 pazienti mentre la tubercolosi di 23 (4%).
Conclusioni. Nel nostro studio, considerando le patologie per provincia, abbiamo osservato come nella stessa Regione a distanza di poche decine di chilometri tra una provincia e l’altra lo scenario può cambiare radicalmente. Gli Autori sottolineano l’importanza di sviluppare approfondimenti clinico-epidemiologici adeguati per individuare le aree a rischio nella Regione. Le U. O. di Malattie Infettive della Regione hanno mostrato globalmente un trend in crescita, dal 4% del 2000 al 7% del 2003, e questo dato va tenuto in considerazione quando si programmano tagli nel numero di posti-letto.

inizio pagina