Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2):37-41

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2004 April;163(2):37-41

Copyright © 2004 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Microparassitosi intestinali in pazienti con infezione da HIV. Nostra esperienza

Pellicanò S. 1, Calzone R. 1, Bertuccio A. 2, Rombolà F. 2, Bertuccio S. N. 2

1 Divisione di Malattie Infettive, Ospedale «S. Giovanni di Dio», ASL n. 5, Crotone; 2 Divisione di Malattie Infettive, Ospedale «G. Jazzolino», ASL n. 8, Vibo Valentia, Regione Calabria


PDF


Obiettivo. Nei pazienti con infezione da HIV la diarrea, spesso associata a dimagrimento e calo ponderale, ha un notevole impatto sullo stato nutrizionale e quindi sulla qualità della vita poiché il livello di immunodeficienza risulta incrementato in caso di diarrea il che predispone l’apparato gastrointestinale all’azione talvolta letale di batteri, virus, protozoi e miceti. Questi pazienti sono particolarmente suscettibili alle infezioni da protozoi soprattutto da Cryptosporidium anche se Microsporidium e Cyclo-spora sono patogeni emergenti.
L’obiettivo di questo lavoro è stato quello di valutare. l’iter diagnostico delle microparassitosi intestinali alla luce della pericolosità e aggressività di alcuni parassiti.
Metodi. L’algoritmo per la diagnosi di microparassitosi intestinale è basato su mezzi di diagnosi diretta (esame macro e microscopico a fresco o dopo concentrazione) o su diagnosi immunologica.
Risultati. Le metodiche di laboratorio oggi disponibili consentono l’evidenziazione di protozoi non evidenziabili in passato se non ricorrendo talvolta a metodiche invasive.
Conclusioni. Nonostante il frequente coinvolgimento dell’apparato gastrointestinale le conoscenze sulle sindromi diarroiche AIDS-correlate sono spesso limitate dalle difficoltà diagnostiche.
Le difficoltà diagnostico-terapeutiche dei patogeni intestinali, infatti, sono uno dei maggiori problemi nel management dei pazienti HIV+ poiché il tipo di infezione e la risposta clinica sono influenzate dalle modalità di trasmissione, dallo stato immunitario del paziente, dall’area geografica di appartenenza e dalla risposta alla terapia.

inizio pagina