Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 June;162(2-3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 June;162(2-3):55-66

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 June;162(2-3):55-66

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Utilizzo degli antibiotici in ambiente ospedaliero: il P.O. “Maddalena Raimondi” di San Cataldo (CL)

Cimino V. 1, Medico L. 2, Seminatore G. F. 2

1 Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera, Facoltà di Farmacia, Università degli Studi di Catania, Catania; 2 Ospedale «Maddalena Raimondi» di San Cataldo Azienda per i Servizi Sanitari 2, Caltanissetta


PDF


Obiettivo. Gli antibiotici hanno, in media, costi elevati e rappresentano percentuali importanti della spesa farmaceutica ospedaliera. Il loro uso corretto e appropriato è quindi fondamentale per la razionalizzazione della spesa.
Metodi. Questo lavoro ha analizzato i dati relativi al consumo degli antibiotici nell’anno 2001 nel Presidio Ospedaliero «Maddalena Raimondi» di San Cataldo di Caltanissetta. I dati sono stati aggregati per molecola e per reparto di degenza.
Risultati. I reparti che utilizzano di più gli antibiotici sono quelli di Medicina e di Chirurgia seguiti da quello di Ortopedia. Il principio attivo più utilizzato è il Ceftriazone, con il quale sono stati trattati oltre 1/4 dei pazienti, che rappresenta l’antibiotico di scelta nella terapia. Seguono nei consumi il Cefonicid, la Piperacillina e la Netilmicina.
Conclusioni. Dai dati disponibili non è possibile fare un’analisi costo-efficacia ma dalle indicazioni relative alle patologie diagnosticate si evince che a fini terapeutici l’antibiotico di scelta è il Ceftriaxone mentre il Cefonicid è preferito nella profilassi chirurgica per il basso costo. L’impiego di antibiotici ad alto costo è limitato alle patologie più gravi o dove si sospetta la resistenza agli altri prodotti. Sono comunque preferiti i principi attivi per i quali è sufficiente una monosomministrazione giornaliera. Anche dal confronto con lo studio AIRONE il Ceftriaxone risulta l’antibiotico più utilizzato.

inizio pagina