Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 February;162(1) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 February;162(1):7-14

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2003 February;162(1):7-14

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il trattamento di teleangiectasie e varicosità degli arti inferiori e del viso. Rationale e metodologia

Palmieri B., Benuzzi G.

Dipartimento di Chirurgia, Università di Modena e Reggio Emilia, Modena


PDF


Dilatazioni di capillari generalmente venosi, comunemente noti come teleangiectasie, sono problemi molto frequenti in dermatologia clinica, angiologia e chirurgia vascolare venosa. Il loro trattamento non risponde solo ad esigenze puramente estetiche del paziente, ma a sintomi clinici veri e propri. Dal punto di vista istopatologico, le teleangiectasie del viso sono notevolmente diverse da quelle degli arti, e questo spiegherebbe la discrepanza nei risultati ottenuti qualora sia stato utilizzato il medesimo protocollo o strumento per le due diverse sedi di lesioni.
I primi approcci si sono avvalsi di iniezioni di liquidi sclerosanti accompagnate o meno da correnti diatermiche o radiofrequenze.
L’avvento dei laser ha dato l’avvio ad una serie di sperimentazioni indirizzate alla messa a punto di un protocollo ottimale: lunghezza d’onda il più possibile selettiva per l’emoglobina ed energia tale da coagulare i capillari nel derma lasciando intatti gli strati sovrastanti.
La nostra esperienza si è avvalsa di un laser diodo, data la sua versatilità per le teleangiectasie superficiali e profonde di piccolo e medio calibro, e grazie anche alla sua intercettazione dell’emoglobina. La procedura in associazione con sclerosanti ha mostrato di essere una tattica utile per contenere l’effetto del laser entro limiti non eccessivamente stressanti o traumatici per il paziente.
Altro fattore molto importante è il raffreddamento, considerato nella nostra esperienza secondo due prospettive diverse: utilizzo di composti anestetici locali o utilizzo di vere e proprie sorgenti di raffreddamento.
Queste procedure sperimentali hanno la finalità di mettere a punto un protocollo esaustivo sia dal punto di vista estetico che funzionale.

inizio pagina