Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 December;161(6) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 December;161(6):231-5

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

NOTE DI TERAPIA   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2002 December;161(6):231-5

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La buprenorfina nella terapia dell’eroinodipendenza. Uso terapeutico e responsabilità professionale

Snenghi R. 1, Montisci M. 2

1 Unità Operativa di Tossicologia forense e Antidoping, Azienda Ospedaliera Università di Padova, Padova; 2 Sede di Medicina Legale, Dipartimento di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica, Università di Padova, Padova


PDF


In Italia è stata autorizzata l’immissione in commercio di preparati di buprenorfina ad alto dosaggio da impiegare per via sublinguale come terapia sostitutiva dell’eroinodipendenza. Tali preparati sono soggetti alle disposizioni penali e amministrative in materia di sostanze stupefacenti e psicotrope, già in passato adottate per i preparati di buprenorfina a basso dosaggio, ad uso analgesico. Gli Autori considerano l’uso terapeutico della buprenorfina, esponendo l’epicrisi degli studi di farmaco-tossicologia, del razionale clinico-terapeutico, delle norme vigenti e delle problematiche medico-legali emergenti dalla casistica esaminata in ambito giudiziario. Tra i principali aspetti osservati si rilevano: il coinvolgimento prevalente di medici libero-professionisti e di medici di medicina generale (MMG); la frequente omissione di accertamenti clinico-obiettivi e tossicologico-analitici nella fase di diagnosi e di monitoraggio; la costante adozione di schemi posologici incongrui per dosaggio, via di somministrazione e durata; le moltiplicazioni prescrittive (buprenorfina+buprenorfina; buprenorfina+metadone; buprenorfina+benzodiazepine; buprenorfina+fendimetrazina); il ripetuto verificarsi di casi di dipendenza iatrogena (o cosiddetto «abuso sostitutivo») correlata all’assunzione endovenosa di buprenorfina. L’utilizzo di terapie di mantenimento con bassi dosaggi di buprenorfina è privo di finalità terapeutica per l’esiguità dell’effetto anticraving, da cui deriva l’automantenimento della dipendenza primaria o la diversione verso altre sostanze psicoattive, alcune (benzodiazepine) dotate di un ruolo significativo nell’accadimento di overdose mortali.
Le «implicazioni medico-legali» non devono ostacolare lo sviluppo di reti territoriali di intervento basate sulle competenze polidisciplinari dei Servizi pubblici per le Tossicodipendenze e sulla valorizzazione del ruolo dei Medici di Medicina generale.

inizio pagina