Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 June;159(3) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 June;159(3):79-82

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 2000 June;159(3):79-82

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Malnutrizione nell’anziano. Nostra esperienza

Pellicanò S. 1, Calzone R. 2, Dattola O. L. 1, Mandica D. 2, Ciliberto E. 3, Frandina C. 3, Terra L. 1

1 Regione Calabria, A.S.L. n. 5, Ospedale «S. Giovanni di Dio», Divisione di Malattie Infettive - Crotone; 2 Regione Calabria, A.S.L. n. 5, Ospedale «S. Giovanni di Dio», Dietista; 3 Regione Calabria, A.S.L. n. 5, Ospedale «S. Giovanni di Dio», Servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva


PDF


Obiettivo. L’età senile si configura come la fascia d’età in più rapida crescita nella società occidentale.
La malnutrizione nell’anziano è un evento relativamente frequente che si associa alla compromissione delle condizioni funzionali.
La maggioranza degli anziani malnutriti presenta inizialmente un decremento ponderale, una riduzione delle masse muscolari e delle riserve adipose.
Le cause di malnutrizione possono essere distinte in sociali, psicologiche e mediche.
Scopo del nostro studio è stato di ricercare eventuali segni di malnutrizione in un gruppo di persone assistite anziane.
Metodi. Nel periodo gennaio 1994-dicembre 1998 abbiamo quindi arruolato 391 persone assistite, di cui il 44% di sesso maschile. Criterio di inclusione è stato l’età superiore ai 60 anni.
Risultati. Trecentouno persone assistite sono risultate affette da malnutrizione per varie cause, spesso associate: 285 per disidratazione, 40 per anemia, 25 con alterata dentizione, 8 con neoplasie e 5 con ipotiroidismo.
Conclusioni. È necessaria una prevenzione primaria della malnutrizione ed un precoce riconoscimento delle fasi iniziali di un deficit nutritivo.

inizio pagina