Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 October;158(5) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 October;158(5):169-73

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 October;158(5):169-73

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Toxoplasmosi e orticaria

Barbosa Vosgerau J. C.

Dermalogist, Centro Municipal de Especialidades, Secretary of Health from Ponta Grossa (Brasil)


PDF


La gravità dell’orticaria cronica può essere dovuta non solo al forte prurito, ma anche ad altre situazioni pericolose per la vita — l’edema di Quick o lo shock anafilattico. Di solito vi è una scarsa risposta agli antistaminici o ai corticosteroidi. Anche questi farmaci possono provocare orticaria o shock anafilattico. Raramente la toxoplasmosi cronica è ricordata nel paziente con orticaria. I sintomi della toxoplasmosi sono aspecifici. Viene riportato il caso di quattro pazienti con orticaria cronica grave non responsiva ai normali trattamenti, presente da 2-42 anni, associata a toxoplasmosi con uno shock anafilattico da iniezione endovenosa di idrocortisone, edema di Quick, edema labiale, asma, nausea, cefalea, artrite/artralgia, infezioni urinarie, disturbi cardiaci, che erano trattati con farmaci specifici per la toxoplasmosi (roxitromicina, dapasone, pirimetamina) a cui era seguita remissione dell’orticaria e degli altri disturbi. È stato ipotizzato che l’orticaria grave possa essere una conseguenza visibile delle citochine stimolate dal toxoplasma nell’ospite e certamente dall’IFN-γ e TNF-α hanno un ruolo centrale nella patofisiologia di questa malattia cutanea oltre agli altri disturbi riportati.

inizio pagina