Home > Riviste > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche > Fascicoli precedenti > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 August;158(4) > Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 August;158(4):111-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Gazzetta Medica Italiana Archivio per le Scienze Mediche 1999 August;158(4):111-6

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Criteri di impiego dell’elisoccorso nei dipartimenti di emergenza sanitaria. Confronto tra il modello militare e civile

Aglietti A. 1, Persichetti R. 2, Cristina G. 3

1 Aeronautica Militare; 2 Ospedale San Camillo - Roma, Dipartimento di Neuroscienze; 3 Università degli Studi di Roma, «La Sapienza» - Roma


PDF


Obiettivo. A partire dai primi anni ’90 il numero unico di chiamata per le emergenze «118» è stato gradualmente attivato in molte regioni italiane. Parallelamente molti centri hanno attivato un servizio di elisoccorso. Lo scopo era di fornire indicazioni per l’attuazione di nuovi servizi di elisoccorso e l’ottimizzazione di quelli esistenti.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo sull’attività svolta dal 15° Stormo SAR (Search And Rescue) dell’Aeronautica Militare Italiana con base a Ciampino nel periodo compreso tra il 1982 ed il 1992, e dal «Roma Soccorso» dell’Ospedale S. Camillo di Roma dal 1984 al 1992. L’attività del SAR è stata richiesta in occasione di disastri e calamità naturali, nella ricerca e soccorso di dispersi e per l’effettuazione di trasporti secondari. Sono state condotte complessivamente 694 missioni di soccorso. L’attività di Roma Soccorso si è svolta soprattutto a seguito di incidenti stradali e per trasporti secondari. Le missioni effettuate sono state 2228.
Risultati. I risultati sono stati: 1) presenza di un maggior numero di prestazioni effettuate dal servizio civile con prevalenza di trasporti secondari; 2) peculiarità di funzionamento dell’elisoccorso militare, chiamato ad intervenire in situazioni di emergenza caratterizzate da condizioni meteorologiche sfavorevoli, operatività notturna, missioni di ricerca di naufraghi e dispersi con possibilità d’uso del verricello.
Conclusioni. Questa indagine sottolinea: 1) la diversità delle funzioni dell’elisoccorso militare, 2) la loro complementarietà, 3) l’opportunità di un corretto smistamento delle richieste di soccorso.

inizio pagina