Home > Riviste > Minerva Gastroenterology > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):139-57

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW  ARGOMENTI INNOVATIVI IN GASTROENTEROLOGIA CLINICA ED EPATOLOGIA 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2010 June;56(2):139-57

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Esofagite eosinofila

Putnam P. E.

1 Division of Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition, Cincinnati Children’s, Hospital Medical Center, Cincinnati, OH, USA 2 Cincinnati Center for Eosinophilic Disorders, Cincinnati, OH, USA


PDF


L’esofagite eosinofila (eosinophilic esophagitis, EoE) è una condizione infiammatoria cronica, a predominanza eosinofila, che può colpire la mucosa esofagea ad ogni età. Differenziata dalla patologia del reflusso gastro-esofageo nella metà degli anni ‘90, questa patologia sembra aumentare la sua incidenza ed è solitamente una manifestazione di allergia alimentare. Le caratteristiche endoscopiche e istologiche sono state ampiamente descritte. Le manifestazioni cliniche variano in maniera considerevole con l’età, con adolescenti e adulti che accusano principalmente disfagia. I bambini più giovani possono invece presentare dolore, vomito, altre evidenze di allergia alimentare, o difficoltà di alimentazione. Le possibilità di trattamento comprendono gli steroidi per via orale (non-sistemica) e l’eliminazione dalla dieta degli antigeni alimentari, e devono essere mantenute per un tempo indefinito a causa dell’altissima percentuale di recidiva in assenza di terapia. Le complicazioni della patologia non trattata includono la fibrosi della lamina propria dell’esofago e la formazione di restringimenti che risultano in una disfagia cronica e aumentano il rischio di occlusione da cibo e di perforazione.

inizio pagina