Home > Riviste > Minerva Gastroenterology > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 June;52(2) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 June;52(2):187-93

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  AN UPDATE ON HEPATITIS B VIRUS INFECTION 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2006 June;52(2):187-93

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Chronic hepatitis C infection in children

Broide E., Kimchi N. A., Scapa E.

Institute of Gasteroenterology Asaf Harofeh Medical Center, Zerifin affiliated to Sackler School of Medicine Tel-Aviv University, Israel


PDF


L’infezione pediatrica con virus dell’epatite C può avere aspetti diversi per quanto riguarda la via di trasmissione, la storia naturale e la risposta al trattamento. La maggior parte dei bambini infettati sviluppa un’epatite cronica che tuttavia ha un decorso relativamente benigno. La via di trasmissione più efficace del virus dell’epatite C è rappresentata dall’esposizione percutanea diretta a sangue o suoi derivati infetti. Tuttavia, il principale fattore di rischio di acquisizione del virus dell’epatite C nei bambini è rappresentato dalla trasmissione materno-fetale. Il tasso di progressione verso l’epatopatia avanzata sembra essere maggiore, e avviene più rapidamente, nelle infezioni acquisite per via trasfusionale o verticale rispetto a quelle acquisite sporadicamente nel periodo post-natale o in quelle con modalità di trasmissione ignota. Esiste un’ampia varietà di espressione istopatologica, a seconda della distribuzione geografica dei diversi Paesi interessati. Il trattamento dell’epatite da virus C nei bambini non è ancora stato approvato. Tuttavia, il trattamento combinato con interferone pegilato alfa-2b e ribavirina evidenzia risultati incoraggianti ed è generalmente ben tollerato. Per ottimizzare l’approccio all’infezione da virus dell’epatite C nei bambini sono necessari in futuro ulteriori studi clinici randomizzati.

inizio pagina