Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 September;59(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 September;59(3):273-84

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI: UN AGGIORNAMENTO 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2013 September;59(3):273-84

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

L’endoscopia nella malattia infiammatoria intestinale

Carter D., Lang A., Eliakim R.

Department of Gastroenterology Sheba Medical Center, Sackler School of Medicine Tel-Aviv University, Tel-Aviv, Israel


PDF


Negli ultimi anni sono stati osservati molti cambiamenti e progressi nell’imaging del piccolo intestino e nell’endoscopia della malattia infiammatoria intestinale (IBD). Le modalità sono passate da gastroscopia, colonscopia e attraversamento del piccolo intestino, a ileo-colonscopia, tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MR), enteroscopia, videocapsula endoscopica wireless ed enteroscopia a palloncino. Oggigiorno l’endoscopia svolge un ruolo fondamentale nella diagnosi di IBD, valutandone l’estensione, trattando alcune delle sue complicanze (stenosi, sanguinamento), valutando il successo di diversi trattamenti (guarigione mucosale) e come predittore del decorso della malattia. La videocapsula endoscopica wireless (WCE) è un “giocattolo” relativamente nuovo, che consente la visualizzazione diretta e non invasiva del paziente per tutta la mucosa dell’intestino tenue. Ha acquisito un ruolo importante nella valutazione dei pazienti con sospetto morbo di Crohn (MC) e colite indeterminata. La WCE ha un elevato valore predittivo positivo nei pazienti con sospetta CD, quando si usano più di due criteri della Conferenza Internazionale sulle Capsule Endoscopiche (ICCE, International Conference on Capsule Endoscopy) e, non meno importante, un alto valore predittivo negativo nei pazienti con sospetta CD. È ancora poco chiaro il suo ruolo nei pazienti con CD conclamata, nella valutazione dell’attività ed entità della malattia, il suo ruolo nella valutazione post-chirurgica della ricorrenza dell’intestino tenue e il suo ruolo nella valutazione della guarigione mucosale. L’enteroscopia a palloncino ha stabilito il proprio ruolo di strumento complementare, nei casi in cui vi è necessità di biopsie o trattamento (dilatazione delle stenosi). Il presente riesame riassumerà il ruolo dell’endoscopia nella diagnosi di IBD, nella valutazione di attività, gestione, endoscopia interventistica e sorveglianza delle neoplasie.

inizio pagina