Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 December;54(4) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 December;54(4):389-405

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

REVIEW   

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2008 December;54(4):389-405

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Presentazione clinica, diagnosi e terapia della pancreatite autoimmune

Snyder M. C., Cappell M. S.

Division of Gastroenterology Department of Medicine William Beaumont Hospital, Royal Oak, MI, USA


PDF


La pancreatite autoimmune (PAI) è una forma clinica importante, anche se rara, di pancreatite cronica. La PAI presenta manifestazioni cliniche, sierologiche, istologiche e radiologiche tipiche. Frequente-mente, i pazienti presentano ittero e segni di patologia epatica colestatica. I livelli sierici di IgG4 sono tipicamente elevati, con un infiltrato linfoplasmacellulare a carico del tessuto colpito che all’immunoistochimica risulta positivo per cellule contenenti IgG4. Caratteristiche radiologiche peculiari includono la pancreatomegalia e le stenosi dei dotti pancreatici e biliare. Le manifestazioni extrapancreatiche sono riconosciute sempre più frequentemente. Tipicamente, la PAI risponde alla terapia con corticosteroidi o ad altri trattamenti immunosoppressivi. Una mancata diagnosi può anche risultare nell’esecuzione di un intervento chirurgico pancreatico non necessario, con i rischi correlati di morbilità e mortalità. Sebbene nell’ultimo decennio siano stati fatti numerosi progressi nella comprensione della fisiopatologia della PAI, mancano ancora molti dati relativi alla sua patogenesi e terapia. Con il progredire della ricerca, l’algoritmo diagnostico, la strategia terapeutica, il protocollo di follow-up e la prognosi a lungo termine dovrebbero essere in futuro meglio definiti.

inizio pagina