Home > Riviste > Minerva Gastroenterologica e Dietologica > Fascicoli precedenti > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 September;53(3) > Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 September;53(3):233-46

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW  AGGIORNAMENTO SULLA MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE 

Minerva Gastroenterologica e Dietologica 2007 September;53(3):233-46

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Patogenesi e approccio clinico alle manifestazione extraintestinali delle malattie infiammatorie intestinali

Agrawal D. 1, Rukkannagari S. 2, Kethu S. 1

1 Division of Gastroenterology Brown Medical School Rhode Island Hospital Providence, RI, USA 2 Kent County Memorial Hospital Warwick, RI, USA


PDF


Il morbo di Crohn (MC) e la colite ulcerosa (CU) dovrebbero essere considerate come malattie sistemiche, essendo associate a manifestazioni cliniche dovute all’interessamento di organi anche al di fuori del tratto digerente. In un soggetto con malattie infiammatorie intestinali (inflammatory bowel disease, IBD) geneticamente suscettibile, una complessa interazione tra batteri e altri fattori colici locali e cellule presentanti l’antigene può scatenare una reazione immunologica diretta contro antigeni espressi in altri organi. Queste manifestazioni extraintestinali (MEI) si osservano nel 20-40% dei pazienti con IBD. I pazienti con MC sono più suscettibili alle MEI rispetto ai pazienti con CU. Articolazioni, occhi, cute e tratto biliare sono gli organi principalmente coinvolti. Alcune manifestazioni quali l’uveite e l’episclerite possono precedere la comparsa di malattia intestinale, mentre altre possono manifestarsi in concomitanza o successivamente alla diagnosi di malattia intestinale attiva. Sebbene molte MEI tendano a seguire il decorso clinico della IBD e a rispondere al trattamento della sottostante patologia intestinale, alcune MEI come la colangite sclerosante primitiva e la spondilite anchilosante tendono a seguire un decorso indipendente dall’attività della malattia intestinale. I farmaci biologici e, in particolare, le terapie anti-TNF· assumono oggi un ruolo importante nella terapia delle MEI. Il riconoscimento e la terapia precoce delle MEI delle IBD sono cruciali nella prevenzione delle principali morbilità ad esse correlate.

inizio pagina