Home > Riviste > European Journal of Physical and Rehabilitation Medicine > Fascicoli precedenti > Europa Medicophysica 2002 June;38(2) > Europa Medicophysica 2002 June;38(2):73-87

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEWS   Freefree

Europa Medicophysica 2002 June;38(2):73-87

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

The cardiovascular system in individuals with spinal cord injury

Occhi E., Pedrini D., Brambilla M.

From the Spinal Unit E. Morelli Hospital, Sondalo (Sondrio)


PDF


La lesione midollare con conseguente para e/o tetraplegia si accompagna spesso a notevoli alterazioni del sistema cardiovascolare dovute alla perdita del controllo autonomico, alla ipo-immobilità e alla sregolazione metabolico-ormonale.
Le principali alterazioni derivanti dalla disfunzione autonomica sono: ipotensione a riposo, bradicardia riflessa, edema periferico, ridotto ritorno venoso, ipotensione ortostatica, alterata risposta cardiovascolare all’esercizio fisico, disriflessia autonomica, a volte arresto cardiaco. Queste alterazioni si manifestano frequentemente in pazienti con tetraplegia o paraplegia alta come conseguenza della perdita del controllo dei Centri superiori sul sistema simpatico spinale diretto al cuore e ai vasi cervicotoracici.
L’ipo-immobilità e l’alterata regolazione metabolico-ormonale sono responsabili di una serie di complicazioni quali: trombosi venosa profonda (talvolta complicata da embolia polmonare), obesità, alterazione del profilo lipidico (aumento di trigliceridi e colesterolo LDL, diminuzione di colesterolo HDL), ipertensione e aterosclerosi.
Tutte queste complicazioni riducono le capacità motorie in molti individui con lesione midollare. Sono inoltre responsabili di un alto tasso di mortalità da malattia cardiovascolare.
Una regolare attività fisica aerobica, eventualmente associata a un programma di stimolazione elettrica funzionale, alla dieta e a un periodico controllo delle condizioni cardiovascolari, sembra migliorare lo stato di salute cardiovascolare e ridurre le complicazioni.

inizio pagina