Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2020 September;22(2-3) > Esperienze Dermatologiche 2020 September;22(2-3):28-30

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

SPECIAL ARTICLE   

Esperienze Dermatologiche 2020 September;22(2-3):28-30

DOI: 10.23736/S1128-9155.20.00499-9

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Glicole propilenico: il miglior solvente per minoxidil?

Alfredo ROSSI , Marta MUSCIANESE, Alessandro FEDERICO, Francesca MAGRI, Gemma CARO, Maria C. FORTUNA

Division of Dermatology, Department of Clinical Internal, Anesthesiological and Cardiovascular Sciences, Umberto I Polyclinic Hospital, Sapienza University, Rome, Italy


PDF


Il minoxidil a uso topico rappresenta a oggi la terapia di prima scelta per l’alopecia androgenetica. Per garantire la stabilità e la solubilizzazione del minoxidil sono disponibili numerosi composti organici anche se il potere di solubilizzazione di ciascun solvente è variabile. Il solvente più largamente utilizzato per i preparati topici di minoxidil è il glicole propilenico (GP), che appartiene alla grande famiglia dei glicoli. Nell’esperienza degli Autori il Glicole Propilenico è il miglior solvente per le formulazioni topiche di minoxidil mentre altri solventi vengono più comunemente usati nelle formulazioni galeniche al fine di ridurre la quantità di effetti avversi cutanei; d’altro canto la data di scadenza di questi prodotti è più breve a causa di una minore stabilità del minoxidil stesso. A nostro avviso, allo stato attuale, prodotti esistenti con una bassa concentrazione di GP e quindi correlati ad una migliore tollerabilità e a una minore incidenza di dermatiti allergiche e irritative da contatto, rappresentano la migliore scelta.


KEY WORDS: Glicole propilenico; Minoxidil; Alopecia

inizio pagina