Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2020 March;22(1) > Esperienze Dermatologiche 2020 March;22(1):10-2

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Esperienze Dermatologiche 2020 March;22(1):10-2

DOI: 10.23736/S1128-9155.20.00497-5

Copyright © 2020 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Efficacia a lungo termine di omalizumab in un paziente con orticaria cronica spontanea e inducibile

Maria MARIANO , Maria G. DE ROCCO, Norma CAMELI, Antonio CRISTAUDO

Unit of Allergological and Occupational Dermatology, IRCCS San Gallicano Dermatological Institute, Rome, Italy


PDF


L’orticaria cronica è caratterizzata dalla presenza di irritazioni cutanee e angioedemi per un periodo superiore alle 6 settimane con una prevalenza stimata dell’1%. Può essere spontanea (chronic spontaneous urticaria, CSU) o inducibile (chronic inducible urticaria, CIndU); nello stesso paziente possono coesistere entrambi i tipi, tanto che il 76% dei pazienti con CSU presenta simultaneamente anche CIndU. Omalizumab è un anticorpo monoclonale che si lega all’immunoglobulina E che riduce i livelli di IgE libere e limita i recettori delle IgE sui mastociti e sui basofili. Omalizumab è approvato per il trattamento della CSU; tuttavia, non è approvato per quello della inducibile. Ci sono forti prove scientifiche a favore dell’uso di omalizumab nel trattamento di pazienti con CIndU refrattaria alla terapia. Riportiamo un caso di efficacia a lungo termine di omalizumab in un paziente affetto da orticaria cronica sia spontanea sia inducibile (orticaria a pressione ritardata e colinergica) con follow-up di 1 anno.


KEY WORDS: Chronic urticaria; Omalizumab; Skin diseases

inizio pagina