Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2018 March;20(1) > Esperienze Dermatologiche 2018 March;20(1):1-4

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ORIGINAL ARTICLE   

Esperienze Dermatologiche 2018 March;20(1):1-4

DOI: 10.23736/S1128-9155.18.00458-2

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Efficacia di un trattamento topico con carragenina e 7BVP per le lesioni ano-genitali da HPV

Daniele RIZZO , Clara ZICHICHI, Leonardo ZICHICHI

Dermatology Unit, Sant’Antonio Abate Hospital, Erice, Trapani, Italy


PDF


OBIETTIVO: Il trattamento delle infezioni cutaneo-mucose della regione ano-genitale da HPV rappresenta spesso un’ardua sfida per il clinico, poiché le terapie oggi disponibili sono gravate dalla possibilità della ricomparsa post trattamento delle lesioni. Il trattamento prevede la possibilità sia di terapie topiche, applicate al domicilio dal paziente stesso (imiquimod in crema, unguento a base di estratto di foglie di té verde, podofillotossina) o in ambulatorio direttamente dal medico (acido tricloroacetico, interferone), che di terapie fisiche locali (crioterapia, diatermocoagulazione, asportazione chirurgica). La ricerca di nuove possibilità terapeutiche ha spinto l’interesse verso la carragenina, microbicida che esplica la sua azione legandosi alle proteine di attacco che l’HPV utilizza per aderire alla superficie cellulare, e verso il 7BVP, lisato batterico ottenuto per frantumazione e lavorazione di Propionibacterium acnes, in grado di stimolare il sistema reticoloendoteliale, di attivare la cascata del complemento, di indurre la produzione di interferoni e di restaurare l’immunocompetenza in soggetti immunodepressi.
METODI: Attraverso uno studio clinico randomizzato in doppio cieco controllato di fase 3, su 23 pazienti ambulatoriali di sesso femminile e maschile, di età compresa tra 18 e 55 anni, affetti da lesioni cutaneo-mucose HPV-correlate a livello genitale, è stata valutata l’efficacia di carragenina versus carragenina + 7BVP in formulazione gel per uso topico in monoapplicazione giornaliera nelle infezioni ano-genitali da HPV.
RISULTATI: I risultati hanno messo in evidenza che l’utilizzo combinato della carragenina e del 7BVP è superiore in termini di efficacia, già dal primo mese di terapia, e di riduzione del tasso di recidiva a 3 mesi, rispetto all’utilizzo della sola carragenina.
CONCLUSIONI: L’associazione di carragenina e 7BVP potenzia la risposta immuno-mediata nei confronti di HPV e ne riduce al contempo la capacità infettante.


KEY WORDS: Papillomavirus infections - Warts - Carrageenan - Red algae - Chitosan - Condylomata acuminata

inizio pagina