Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1) > Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1):43-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1):43-6

DOI: 10.23736/S1128-9155.17.00439-3

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La sindrome di Hewitt-Pelisse: un caso clinico

Massimo NACCA 1, Gelsomina RONZA 1, Luigi COBELLIS 2, Luigi BOCCIA 1

1 Unità Operativa Dermatologia e Venereologia, Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione, Caserta, Italia; 2 Unità Operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia, Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione, Caserta, Italia


PDF


Il lichen planus vulvo-vagino-gengivale (VVG-LP) o sindrome di Hewitt-Pelisse si esprime con la triade che comprende una vulvo-vaginite erosiva associata a una gengivite vestibolare erosiva o desquamativa. L’etiologia è controversa, la diagnosi clinica deve comunque essere confermata istologicamente. La modalità di presentazione clinica, con l’insorgenza asincrona delle lesioni, può essere fuorviante rimandando per lungo tempo una corretta diagnosi. La sindrome, per le destruenti modalità d’insorgenza, determina notevoli disagi fisici. Secondo alcuni studi clinici l’evoluzione cicatriziale di questo particolare lichen è statisticamente associato all’HLA di classe II DQB1. Descriviamo un caso di lichen planus vulvo-vagino-gengivale insorto circa quarant’anni orsono e caratterizzato da un’evoluzione molto lenta e invalidante.


KEY WORDS: Lichen planus - Vulvoplastica - vulva

inizio pagina