Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1) > Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1):31-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO ORIGINALE   

Esperienze Dermatologiche 2017 March;19(1):31-7

DOI: 10.23736/S1128-9155.17.00445-9

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Valutazione dell’attività anti-stafilococcica in vitro dell’acido fusidico e della gentamicina

Marco TOSCANO 1 , Clementina COCUZZA 2, Lorenzo DRAGO 1, Roberto MATTINA 3, Paola A. PILLONI 4, Enrico CALARESU 2, Valentina COZZA 5, Adone BARONI 6

1 Department of Biomedical Health Sciences, University of Milan, Milan, Italy; 2 Department of Medicine and Surgery, University of Milan-Bicocca, Milan, Italy; 3 Department of Biomedical, Surgical and Dental Sciences, University of Milan, Milan, Italy; 4 Department of Experimental Medicine, Second University of Naples, Naples, Italy; 5 Department of Prevention, Tumor Registry, Local Health Authority of Naples, Naples, Italy; 6 Department of Dermatology and Venereology, Second University of Naples, Naples, Italy


PDF


OBIETTIVO: Lo Staphylococcus aureus è considerato una tra le principali cause di infezioni cutanee e dei tessuti molli. Generalmente, tali infezioni sono trattate mediante antibiotici topici, in quanto in grado di raggiungere elevate concentrazioni nei siti di infezione. Tuttavia, il significativo aumento di antibiotico resistenza osservato negli ultimi anni rappresenta un serio problema nella scelta del corretto agente antimicrobico da utilizzare. Lo scopo del presente lavoro è stato quello di valutare l’attività antibatterica in vitro dell’acido fusidico e della gentamicina nei confronti di diversi ceppi di stafilococco coinvolti nelle infezioni cutanee e dei tessuti molli.
METODI: Nel presente studio sono stati testati i seguenti microorganismi: 30 ceppi di Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA), 30 ceppi di Staphylococcus aureus meticillino-sensibile (MSSA), 20 ceppi di Staphylococcus epidermidis meticillino-resistenti (MRSE) e 20 ceppi di Staphylococcus epidermidis meticillino-sensibile (MSSE). Tutti i microorganismi in esame sono stati isolati da pazienti ospedalizzati che presentavano infezioni cutanee o infezioni dei tessuti molli. Per ogni ceppo è stata valutata l’attività antibatterica dell’acido fusidico e della gentamicina mediante il metodo dell’agar diffusione (Kirby-Bauer).
RISULTATI: L’acido fusidico è risultato efficace nei confronti di tutti i ceppi MRSA e MSSA testati, mentre la gentamicina è risultata essere inefficace contro 3 ceppi di MRSA e 2 ceppi MSSA. Inoltre, nessun ceppo di MRSE e MSSE è risultato resistente all’acido fusidico; al contrario, 3 ceppi di MRSE e 2 ceppi di MSSE sono risultati essere resistenti alla gentamicina.
CONCLUSIONI: L’acido fusidico può essere considerato l’antibiotico di prima scelta nel trattamento delle infezioni cutanee e dei tessuti molli, grazie all’elevato grado di penetrazione cutanea e alla sua elevata attività antibatterica.


KEY WORDS: Staphylococcus - Infezioni cutanee da stafilococco - Agenti antibatterici

inizio pagina