Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4) > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):192-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

NOTA DI TERAPIA   

Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):192-7

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Studio epidemiologico osservazionale su un campione di pazienti italiani e stranieri affetti da Tinea versicolor recidivante trattati con fluconazolo 400 mg al mese per tre mesi

Valeska PADOVESE 1, Gennaro FRANCO 2, Mariacarla VALENZANO 2, Raffaella FAZIO 2

1 Clinica Genito-urinaria, Dipartimento di Dermatologia e Venereologia, Ospedale Mater Dei, Msida Msd, Malta; 2 Istituto Nazionale Migrazioni e Povertà (INMP), Roma, Italia


PDF


OBIETTIVO: Tinea versicolor è un’infezione fungina superficiale della cute abbastanza comune. La maggior parte dei pazienti di pelle scura presenta esclusivamente lesioni ipopigmentate (Tinea versicolor alba). Non è nota la prevalenza di Tinea versicolor nella popolazione immigrata e l’infezione, se non trattata, diventa cronica. La tendenza alle recidive è stata descritta nel 60% dei pazienti entro il primo anno dalla terapia e nell’80% entro i due anni. In questi casi può essere necessaria una terapia profilattica a lungo termine. Obiettivo di questo studio è valutare la prevalenza di Pityriasis veriscolor nella popolazione autoctona e straniera afferente all’ambulatorio di Dermatologia dell’Istituto Nazionale delle Migrazioni (INMP) di Roma e di sviluppare un protocollo terapeutico per le forme recidivanti in popolazioni mobili.
METODI: Lo studio epidemiologico osservazionale è stato condotto attraverso un’analisi retrospettiva delle diagnosi di Tinea versicolor raccolte a seguito di visita clinica presso gli ambulatori di Dermatologia dell’INMP di Roma da Gennaio 2010 a Dicembre 2014. È stato effettuato quindi uno studio prospettico su un campione di pazienti sia italiani che stranieri che presentavano più di tre recidive di Tinea versicolor all’anno. Si è proceduto a registrare età, provenienza e sesso, fototipo secondo Fitzpatrick, numero di recidive di Tinea versicolor all’anno e precedenti trattamenti. È stato quindi somministrato fluconazolo (Elazor®, Biofutura SpA, Milano, Italia) alla posologia di 400 mg al mese per tre mesi consecutivi. I pazienti sono tornati a controllo clinico dopo tre e sei mesi.
RISULTATI: Nel periodo in studio sono state registrate nel database INMP un totale di 930 diagnosi di Tinea versicolor: 723 pazienti hanno riportato un singolo episodio, mentre 92 si sono presentati da due a quattro volte a seguito di recidiva. Venti pazienti che presentavano forme estese e recidivanti di Tinea versicolor sono stati arruolati nello studio prospettico e trattati con fluconazolo 400 mg al mese per tre mesi. Al controllo a tre mesi 18 pazienti su 20 non presentavano segni cutanei mentre a 6 mesi non si sono osservate recidive nella totalità dei casi.
CONCLUSIONI: Tinea versicolor è una patologia diffusa nella popolazione migrante; i pazienti arruolati nello studio presentavano un numero pari o superiore a tre recidive per anno ed erano stati precedentemente trattati con terapie topiche e/o sistemiche. La somministrazione di fluconazolo 400 mg al mese per tre mesi ha portato alla risoluzione del quadro clinico e micologico nel 90% dei pazienti visitati a tre mesi e l’assenza di recidive a sei mesi. Il protocollo terapeutico addottato ha permesso di ottenere il 100% di adesione alla terapia e questo di per sé rappresenta un successo per la tipologia di paziente in esame. Non si sono riscontrati effetti collaterali né intolleranza farmacologica. Lo studio, per poter essere validato, andrebbe esteso ad una casistica maggiore.

inizio pagina