Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4) > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):173-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASO CLINICO   

Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):173-7

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Fibroxantoma atipico dopo terapia fotodinamica

Giampaolo TREVISAN 1, Lerica GERMI 1, Elena G. DALL’OLIO 1, Antonio PERASOLE 2

1 Dermatology Unit, St. Bortolo Hospital, Vicenza, Italy; 2 Pathologic Anatomy Service, St. Bortolo Hospital, Vicenza, Italy


PDF


La terapia fotodinamica (photodynamic therapy, PDT) è diffusamente conosciuta come una pratica terapeutica per il trattamento di una serie di tumori cutanei non melanocitari (cheratosi attiniche, malattia di Bowen, carcinoma basocellulare superficiale) e di altre malattie non maligne nei pazienti immunocompetenti. Diversi studi in ambito pre-clinico e clinico hanno dimostrato che la PDT è in grado di attivare in modo significativo l’immunità, sia innata sia acquisita, e questo effetto sembra essere strettamente collegato al grado di infiammazione indotta da PDT. Tuttavia, l’aumento di mediatori infiammatori potrebbe promuovere la crescita delle cellule tumorali in determinate circostanze. Inoltre, la PDT è stata collegata anche a effetti immunosoppressivi, che abbiamo supposto possano essere stati coinvolti nei nostri due pazienti che, rispettivamente 5 e 3 mesi dopo la PDT, hanno sviluppato un fibroxantoma atipico sul cuoio capelluto, che era stato adeguatamente fotoprotetto negli ultimi anni, non in precedenza esposto a radioterapia e senza storia di altri tumori cutanei.

inizio pagina