Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4) > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):158-62

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO SPECIALE   

Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):158-62

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Glutine e cute

Paola BETTO

Ospedale Civile San Bortolo, Vicenza, Italia


PDF


Lo spettro delle patologie correlate all’esposizione al glutine comprende attualmente l’allergia al grano, la celiachia (MC) e la sensibilità al glutine non allergica e non celiaca, ovvero la non-celiac gluten sensitivity (NCGS). L’allergia al grano è una reazione avversa causata da un’anomala reazione immunologica mediata da anticorpi della classe IgE. La MC è una patologia cronica e sistemica, immunomediata, provocata dal glutine e reversibile con la sua esclusione, in soggetti geneticamente predisposti. La dermatite erpetiforme di Duhring può essere considerata la MC della cute con lesioni polimorfe cutanee e con presenza costante di alterazioni della mucosa intestinale. La NCGS viene considerata un’intolleranza al glutine che interessa il 6% della popolazione. Si tratta di un’entità che si manifesta con sintomi intestinali ed extraintestinali. Quando interessa la cute può manifestarsi con disturbi simil-eczematosi (40%) e con glossite e aftosi (10%). La diagnosi è di esclusione. Si tratta di un quadro eterogeneo che comprende sottogruppi diversi con selettiva attivazione dell’immunità innata.

inizio pagina