Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4) > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):153-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO SPECIALE   

Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):153-7

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le infezioni a trasmissione sessuale in età pediatrica

Donato CALISTA 1, Luigi VALENZANO 2

1 Unità Operativa di Dermatologia, Ospedale “M. Bufalini”, Cesena, Italia; 2 Istituto San Gallicano, Roma, Italia


PDF


Le infezioni a trasmissione sessuale (ITS) sono l’esito del contatto fra una specie microbica patogena, usualmente trasmessa attraverso i rapporti sessuali, e un soggetto sano. Non tutte le ITS sono trasmesse attraverso i rapporti sessuali; i neonati possono contrarre la malattia in utero, durante il transito nel canale del parto o con l’allattamento; in età infantile prevalgono le trasmissioni attraverso il contatto accidentale con un portatore sano; in età scolare e pre-puberale è necessario escludere la possibilità di abusi sessuali, infine, in età puberale la diagnosi di una ITS avviene anche attraverso rapporti sessuali consenzienti. La diagnosi di ITS in età pediatrica può essere difficile quando la malattia si presenta con un corteo sintomatologico aspecifico, a causa dell’incertezza del percorso diagnostico da seguire e talora per la complessa interpretazione dei risultati di laboratorio. In considerazione della possibilità di esami di laboratorio falsamente positivi e delle possibili conseguenze di una inevitabile, ingiusta stigmatizzazione è fondamentale adottare una strategia che consenta di raggiungere la diagnosi concentrando in una unica seduta tutti gli esami di laboratorio, evitando ripetute sofferenze al bambino ed ai suoi genitori.

inizio pagina