Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4) > Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):134-41

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLO SPECIALE   

Esperienze Dermatologiche 2016 September-December;18(3-4):134-41

Copyright © 2017 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le patomimie: la psiche vista dalla pelle

Massimo NACCA, Gelsomina RONZA, Cristina AMBROSONE, Luigi BOCCIA

Azienda Ospedaliera di Caserta Sant’Anna e San Sebastiano di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione, Caserta, Italia


PDF


Le patomimie, o dermatosi autoindotte, sono lesioni cutanee provocate dal paziente al fine di mostrare uno stato di sofferenza alle persone a cui indirettamente si chiede aiuto. Non è sempre agevole diagnosticare la malattia e spesso è ancora più difficile riferire la diagnosi al paziente e/o ai parenti perché, in generale, è difficile far accettare un disturbo inerente la sfera psichiatrica. Esse rappresentano una sfida per il medico in quanto, questo tipo di patologie, non presentano una etiologia strettamente organica ed il successo terapeutico dipende soprattutto dalla collaborazione tra il dermatologo, lo psichiatra, lo psicologo e, occasionalmente, anche di altre branche mediche al fine di evitare la cronicizzazione ed un eventuale aggravamento della patologia stessa. A tal fine si descrivono sei casi clinici di patomimia.

inizio pagina