Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2015 December;17(4) > Esperienze Dermatologiche 2015 December;17(4):137-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASI CLINICI   

Esperienze Dermatologiche 2015 December;17(4):137-8

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Malattia da graffio di gatto: un caso clinico

Pezza M. 1, Carlomagno V. 2, Calandriello R. 2, Calandra C. 2, Pengue I 2, Casucci G. 2

1 Dermatology Clinic, Villa Maria Private Hospital, Passo di Mirabella Eclano, Avellino, Italy; 2 San Francesco Private Hospital, Telese Terme, Benevento, Italy


PDF


Si riporta il caso clinico di un ragazzo di 17 anni che si è recato nell’ambulatorio di Dermatologia della Casa di Cura San Francesco di Telese Terme (BN) per la presenza, da circa 6 giorni, di una tumefazione dolente, eritematosa, del gomito sinistro. L’ecografia mostrava un grossolano linfonodo colliquato con vascolarizzazione ilare; si osservava la concomitante presenza di analoghi linfonodi a livello ascellare omolaterale. L’anamnesi evidenziava che, circa due settimane prima, il paziente era stato graffiato leggermente sull’arto superiore sinistro da un piccolo gatto trovato in campagna. Nel sospetto di malattia da graffio di gatto si eseguiva il test Bartonella EIA (enzyme immunoassay) che dava esito positivo. Si decideva pertanto di instaurare terapia con ciprofloxacina, 500 mg due volte al giorno, per dieci giorni. Al controllo clinico il paziente presentava risoluzione del quadro clinico.

inizio pagina