Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3) > Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3):97-101

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

ARTICOLI ORIGINALI   Freefree

Esperienze Dermatologiche 2015 September;17(3):97-101

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Proprietà antiallergiche e antiossidanti di una formulazione di quercitina basata su lecitina: una valutazione in vitro

Togni S. 1, Maramaldi G. 1, Meneghin M. 1, Giacomelli L. 2, Cattaneo R. 3, Eggenhoffner R. 2, Burastero S. 4

1 Indena S.p.A, Milan, Italy; 2 Department of Surgical Sciences and Integrated Diagnostics, School of Medicine, Genova University, Genoa, Italy; 3 Abich, Verbania, Italy; 4 San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy


PDF


OBIETTIVO: Quercetina è un flavonoide particolarmente diffuso, con potenziali effetti benefici in particolare grazie alle sue proprietà antiossidanti, anti-infiammatorie e antiallergiche. In questo studio presentiamo due esperimenti in vitro condotti con l’obiettivo di valutare ulteriormente le proprietà antiossidanti e anti-allergiche di quercetina.
METODI: Nel primo esperimento gli effetti di quercetina sul danno ossidativo indotto da UV sono stati testati su una linea di cheratinociti umani stabilizzati, utilizzando una sonda fluorogenica (diclorofluerescina diacetato) per misurare la concentrazione intracellulare di radicali. È stata utilizzata una particolare formulazione di quercetina, caratterizzata da un sistema di delivery basato su fosfolipidi, che aumenta la penetrazione tessutale di quercetina.
Nel secondo esperimento, abbiamo valutato la capacità di quercetina nell’inibire la degranulazione dei basofili in un modello murino esprimente il recettore umano FcεRI. È stato utilizzato un controllo positivo attraverso un cross-link del recettore FcεRI con un anticorpo specifico; inoltre, l’effetto di quercetina è stato confrontato con quello di acido ialuronico, in grado di inibire l’effetto dell’anticorpo.
RISULTATI: Il primo esperimento ha mostrato che quercetina fosfolipidca 1% riduce la formazione di radicali liberi in modo dose-dipendente e in risposta a livelli di radiazione pari a 1-5 J. Nel secondo esperimento, quercetina ha nettamente ridotto la degranulazione dei basofili in modo dose-dipendente e in misura confrontabile al controllo positivo.
CONCLUSIONI: Questi risultati in vitro mostrano ulteriormente l’effetto protettivo di quercetina nei confronti di diversi tipi di danni cellulari, grazie alle sue proprietà antiossidanti e antiallergiche.

inizio pagina