Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2013 June;15(2) > Esperienze Dermatologiche 2013 June;15(2):51-61

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI SPECIALI   

Esperienze Dermatologiche 2013 June;15(2):51-61

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Le difese antimicrobiche della cute

Terranova F.

Medico Libero Professionista, Docente della Scuola Internazionale di Medicina Estetica della Fondazione Internazionale Fatebenefratelli, Roma


PDF


La cute, esposta all’attacco dei microbi, deve proteggere se stessa e i sottostanti tessuti. A tal fine non si limita ad affidarsi ai dispositivi immunitari sistemici, ma pone in essere difese autonome. Oltre a fare da barriera, dispone di funzioni immunitarie attinenti all’immunità naturale ma in grado anche di supportare l’immunità acquisita. I cheratinociti esprimono chemosensori, come i Toll-like receptors, capaci di riconoscere componenti molecolari comuni alle specie microbiche (lipopolisaccaridi, ecc.) e anche fattori lesivi di origine non infettiva; il segnale generato innesca la produzione di peptidi antimicrobici (defensine e catelicidine) che svolgono attività battericida e compiti di modulazione immunitaria. I cheratinociti producono anche citochine immunoregolatrici, in condizioni basali e/o in risposta a diversi stimoli, e sono pure in grado di assumere il ruolo di APC. La pelle umana sana ospita una popolazione linfocitaria residente più numerosa di quella del sangue, quasi esclusivamente composta di cellule T, insieme a piccole quote di elementi atipici: linfociti Tγδ, NK e iNKT: recenti ricerche mettono in luce il ruolo svolto in condizioni normali ed in numerose dermopatie. Infine, il derma e l’epidermide presentano distinti sottotipi di cellule dendritiche che derivano da progenitori diversi ed assolvono a funzioni almeno in parte distinte.

inizio pagina